Mandurino: “Il cine-turismo è la nuova strada da battere”

Per Stefania Mandurino, commissaria Apt di Lecce, il film di Ozpetek rappresenta una straordinaria opportunità di visibilità e sviluppo per il Salento e per la Puglia

“La straordinaria visibilità garantita a Lecce e al Salento da “Mine vaganti” conferma che avevamo visto giusto: il cine-turismo è la strada da battere per diffondere l'immagine di una terra di bellezza, arte, enogastronomia tutte da vivere, tutte da amare. E per darle occasioni di sviluppo economico da cogliere al volo”. Non ha dubbi al riguardo Stefania Mandurino, commissaria dell'Apt di Lecce. “Un'ora e mezzo di grande cinema regalatoci da un regista che viene dall'Oriente, e che avverte non a caso la propria affinità con una terra che a Oriente si protende, serve una volta di più a ricordarci la giustezza di un modello di sviluppo intrapreso dalla Regione Puglia: la valorizzazione dell'autentica vocazione del nostro territorio. Una vocazione alla Bellezza che bene continua a prestarsi alla realizzazione di opere importanti e suggestive come quella di Ozpetek, che si inserisce in un solco virtuoso tracciato dall'Apulia Film Commission”. L'esempio più recente le fiction: quella sul Giudice Mastrangelo, con Diego Abatantuono, ma anche le due puntate sull’avvocato Guerrieri-Emilio Solfrizzi di Gianrico Carofiglio, altrettanti spot delle bellezze di Puglia e occasioni foriere, continua Stefania Mandurino, di evidenti ricadute benefiche su tutto il territorio regionale: in primis turistiche, vista l'efficacia del connubio tra cinema e turismo: “Le immagini trasmesse da film e fiction televisive sono in grado di indurre il potenziale visitatore a recarsi nei luoghi di ambientazione delle scene per rivivere in prima persona le emozioni trasmesse dal prodotto audiovisivo”. Un canale di comunicazione innovativo, “al di fuori dei classici mezzi pubblicitari, capace di coinvolgere emotivamente lo spettatore e spiegare il prodotto con modalità più emozionali , ma anche in tempi più lunghi rispetto ai classici format pubblicitari – tra pre e post-produzione, conferenze stampa, uscita nelle sale cinematografiche, dvd, in questo caso presenza nei Festival di Berlino e New York – e comunque sensibilizzando un pubblico meno attento alla pubblicità classica”. Si tratta quindi di cogliere la grande opportunità della promozione dell’immagine del territorio attraverso il cinema, e in un secondo momento di far conoscere la sua identità in tutti i suoi aspetti: ambientale, storico, culturale, artistico, eno-gastronomico. “La Lecce bellissima ritratta in “Mine vaganti”, gli ulivi assolati e il mare cristallino, e quell'atmosfera sospesa che ti proietta in un Sud universale, senza tempo e senza spazio, luogo che accoglie senza giudicare chi va e chi viene, terra di approdo e di partenza, sono un vero e proprio omaggio di Ozpetek alla città. Un omaggio dalla valenza promozionale fortissima, un film contagioso, come scrivono i giornali”. E un'occasione irripetibile di sviluppo economico: “Un cineporto a Bari, uno di prossima apertura anche a Lecce, il prossimo Festival del Cinema Europeo di aprile e poi il Festival Internazionale del Film Turistico, sempre a Lecce ma a maggio: eventi capaci di moltiplicare in maniera esponenziale attività, professioni e strutture che possono garantire al nostro territorio un indotto economico più che considerevole e un respiro culturale internazionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!