Come migliorare Lecce con l'aiuto dei cittadini

Il Comune di Lecce aderisce al Pon Governance, “Rafforzamento della capacità amministrativa per un’amministrazione di qualità” e avvia una sperimentazione sulla valutazione civica

Volontari al lavoro per migliorare la vivibilità della città. Il Comune di Lecce avvia una sperimentazione sulla valutazione civica della qualità urbana, aderendo al Pon Governance «Rafforzamento della capacità amministrativa per un’amministrazione di qualità» promosso dal Dipartimento della Funzione pubblica e realizzato in collaborazione con Formez e Cittadinanzattiva. Dal mese di aprile, nei quartieri Stadio e San Sabino, gruppi di cittadini volontari osserveranno direttamente la qualità e la sicurezza degli spazi urbani, intervisteranno i responsabili dell’amministrazione su quanto si fa per garantire una buona qualità della vita urbana e quindi formuleranno giudizi e proposte di miglioramento. Un nuovo approccio, dunque, per migliorare spazi e servizi della città attraverso la valutazione di chi la vive. Strade dissestate, traffico e inquinamento, scarsa igiene e mancata sicurezza delle aree urbane che frequenti giornalmente rendono la tua vita un percorso a ostacoli? Per cambiare, basterà scrivere a Palazzo Carafa. «In questo modo i cittadini potranno giocare un ruolo decisivo nel migliorare la vivibilità e l’accoglienza di Lecce, aiutandoci ad amministrarla meglio», sottolinea il sindaco Paolo Perrone che ha presentato l’iniziativa ieri mattina in municipio, insieme al presidente regionale di CittadinanzAttiva, Anna Maria De Filippi. Per aderire, è necessario far pervenire al settore Programmazione e strategie territoriali del Comune un apposito modulo (già scaricabile sul sito del Comune) compilato con i propri dati anagrafici (è necessario essere residenti e maggiorenni). Sarà poi il Settore a fare giungere a Cittadinanzattiva le domande di adesione a firma dei cittadini. A quel punto l’associazione organizzerà gruppi di residenti che, a seconda delle richieste, dialogheranno con sindaco e amministratori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!