La “Settimana del Bio in Puglia” fa tappa a Lecce

Oggi, il seminario di approfondimento sulle nuove norme europeo per il mercato delle produzioni biologiche

Si svolgerà oggi, alle ore 15.30, presso la CCIAA di Lecce, l’incontro organizzato da Unioncamere Puglia e il Consorzio Bridg€conomies, in collaborazione con il Consorzio Italiano per il Biologico (CIBI) e con le CCIAA di Lecce, Brindisi, Bari, Taranto e Foggia, è rivolto ai produttori pugliesi del settore biologico. Il seminario sarà incentrato in particolare sui nuovi adempimenti normativi e sulle opportunità di mercato dell’agricoltura biologica. Con l’entrata in vigore dei nuovi regolamenti, infatti, sono stati ristabiliti principi, criteri e procedure di controllo e certificazione delle produzioni agricole ottenute con metodo biologico. La principale innovazione della nuova normativa consiste nel fatto che, per la prima volta, il fine del legislatore europeo è stato quello di identificare valori, principi e modalità applicative dell’agricoltura biologica, definita come il “sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione dell’agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali”. La normativa, inoltre, estende il proprio campo di applicazione anche a nuovi prodotti, come l’acquacoltura, le alghe marine ed i lieviti ad uso alimentare. Migliorata anche la presentazione dei prodotti con l’introduzione dell’obbligo dell’uso in etichetta del logo europeo dell’agricoltura biologica e dell’indicazione del luogo di produzione delle materie prime. Una normativa rinnovata che costituisce premessa favorevole ad un ulteriore sviluppo delle attività agro-biologiche, con possibilità di accrescere la fiducia dei consumatori e di consolidare i risultati di mercato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!