Lecce, due milioni e mezzo per via Adriatica

GUARDA IL VIDEO. La zona della città che riguarda via Adriatica e numerose vie limitrofe sarà interessata a brave da una serie di lavori di metanizzazione, di rifacimento della rete pluviale e di fognatura nera, nonché di superfici stradali e marciapiedi

Pronto un corposo pacchetto di lavori per via Adriatica e zone limitrofe. Il costo complessivo delle opere, illustrate questa mattina a Palazzo Carafa dal sindaco Paolo Perrone, è di circa due milioni e mezzo di euro (fondi Cipe). Ecco il piano degli interventi: Lavori di metanizzazzazione in via Adriatica e relative traverse (via Cavalcanti, via Ungaretti, via Settembrini, ecc.) e via Sandalo e relative traverse (via Saragat, via Sellitto, via Pertini e via De Magistris). L'amministrazione comunale ha dato l'incarico a Enel Gas di redigere il progetto per lo sviluppo di una rete di gas metano di 4550 ml per servire circa 280 famiglie. Costo dell'intervento, 500 mila euro. La metanizzazione di via Sandalo avverrà attraverso una rete di 2100 ml per servire circa 50 famiglie. Costo dell'intervento, 200 mila euro. I lavori inizieranno entro dicembre 2010. Lavori di ampliamento della rete idrica e fognatura nera cittadina in via Belli, via Cavalcanti, e zone limitrofe. L'intervento e la cantierizzazione dell'opera sarà finanziata con fondi Cipe e inizierà prima dell'estate. Il costo delle opere è di 100 mila euro. Lavori di ampliamento della rete pluviale in via Porta (complesso antistante il centro Outline). Si prevede la realizzazione di tronchi di fognatura bianca e relativa vasca di accumulo e smaltimento nel terreno. Il costo dell'intervento è di 400 mila euro. Lavori di adeguamento di via Adriatica , dal bar Commercio fino alla tangenziale. L'intervento consiste nel rifacimento del manto stradale, la realizzazione di marciapiedi, piantumazione di alberature e impianto di pubblica illuminazione, per un totale di spesa di 1.300.000 euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!