Finanza. Controlli a Maglie e Gallipoli

L'attività della Guardia di finanza nelle ultime 24 ore: controlli più intensi a Maglie e Gallipoli

Intensi controlli nelle ultime 24 ore da parte del comando provinciale della Guardia di finanza di Lecce nei Comuni di Maglie e Gallipoli. Le 23 pattuglie impiegate in più operazioni hanno eseguito 35 controlli ad esercizi commerciali, in particolare: bar, ambulanti alimentari, abbigliamento, ferramenta, articoli per la pulizia della casa, frutta e verdura, contestando otto violazioni per mancata emissione del documento fiscale ed irrogando, di conseguenza, sanzioni amministrative per 4.128 euro. L’attività è continuata anche su strada; lì i militari hanno controllato 103 autovetture e identificato 127 persone; contestato 13 violazioni al codice della strada per omesso uso delle cinture di sicurezza, mancata esposizione del tagliando assicurativo, utilizzo del telefonino alla guida; ritirato cinque carte di circolazione per omessa revisione; redatto un verbale in materia di beni viaggianti. Le fiamme gialle hanno inoltre redatto un verbale d’accertamento per il mancato pagamento del canone Rai. // Tutti i numeri da gennaio ad oggi Dall’inizio dell’anno ad oggi, la Guardia di finanza leccese ha controllato 9.467 autovetture, identificato 10.629 persone, redatto 1.888 verbali al codice della strada (con incremento percentuale del 155% rispetto all’analogo periodo dell’anno 2009), ritirato 250 carte di circolazione e 67 patenti di guida, controllato 2.539 esercizi commerciali (con incremento percentuale del 173% rispetto all’analogo periodo dell’anno 2009) e contestato 666 violazioni per mancata emissione del documento fiscale (con incremento percentuale del 158% rispetto all’analogo periodo dell’anno 2009) per le quali sono state irrogate sanzioni amministrative per complessivi 343.656 euro nonché effettuato 32 controlli irregolari in materia di disciplina prezzi per i quali sono state irrogate sanzioni amministrative per 32mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!