Abusivismo edilizio: Il Noe sequestra un'area di tre ettari

Il provvedimento del Gip Antonio Del Coco riguarda un maneggio e un'area commerciale nelle vicinanze de “Le Cesine”

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Lecce e quelli della Stazione di Vernole hanno sottoposto a sequestro preventivo, in esecuzione di un provvedimento del Gip Antonio Del Coco, un'area di circa tre ettari ed un maneggio in località “Le cesine”. L’area si trova in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico ed idrogeologico, nonché a specifica tutela in quanto sita al confine con area protetta dello Stato. Oltre al maneggio sono stati sequestrati anche le relative stalle e recinti, e alcuni locali adibiti alla vendita di carni ed alla ristorazione, tutti sprovvisti delle autorizzazioni edilizie, amministrative, veterinarie e sanitarie. Sequestrati, inoltre, sessanta equini, i cui rifiuti venivano riversati sul terreno in modo incontrollato, mettendo a rischio la vita degli stessi. Il proprietario del terreno ed il gestore del maneggio abusivo sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per abusivismo edilizio, abbandono e deposito incontrollato di rifiuti e deturpamento di bellezze naturali. Le autorità amministrative e sanitarie sono state informate per i provvedimenti di competenza dal Noe, che ha anche verificato che un cavallo ricoverato presso la struttura è risultato affetto da anemia infettiva equina. Da tale accertamento è scaturito il divieto di introdurre qualsiasi animale nelle stalle per evitare il pericolo del contagio. Per tale ragione, inoltre, gli animali sequestrati dovranno rimanere sul posto, sotto osservazione veterinaria. Le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore di Lecce Buffelli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!