Casarano. E luce fu

La sostituzione delle lampade malfunzionanti è partita da piazza San Domenico ma nei prossimi giorni continuerà nelle altre piazze e strade del centro storico

E’ tornata la luce nel centro storico di Casarano. Da alcuni giorni, come aveva annunciato Palazzo dei Domenicani, la ditta che ha realizzato il nuovo impianto sta procedendo alla graduale sostituzione delle lampade nelle strade e nelle piazze interessate. Il primo luogo ad essere “illuminato” è stato piazza San Domenico, la stessa dove si trova il Municipio, tradizionale punto di ritrovo e di passeggio della città, tornata a vivere di sera come non lo era da almeno due anni, da quando la precedente amministrazione comunale aveva sostituito il vecchio impianto con l’attuale. “E la luce fu…”; “Come il giorno e la notte”; “Finalmente ci si può vedere a distanza”. I casaranesi si sono sbizzarriti nel commentare la nuova situazione di piazza San Domenico dopo i primi interventi per sostituire le lampade. Da quando l’impianto di pubblica illuminazione era stato sostituito l’oscurità era quasi assoluta e solo le insegne degli esercizi commerciali garantivano un livello di luce accettabile. La ditta che ha realizzato l’impianto, sollecitata dalla nuova amministrazione, dopo le verifiche tecniche ed i controlli necessari al fine di accertare le cause del malfunzionamento in termini di resa illuminotecnica, aveva riscontrato un difetto di fabbrica delle lampade e si era impegnata a risolvere nel più breve tempo possibile, in totale garanzia e con spese a suo carico. L’intervento, che non è ancora terminato, ha interessato in questi giorni soltanto piazza San Domenico (qui gli effetti sono molto evidenti) e continuerà sui lampioni delle altre piazze e strade del centro storico. L’associazione “[email protected]à”, uno dei movimenti, insieme al Pdl, che in passato ha sollevato il problema, ha commentato la novità con un comunicato stampa firmato dal presidente, Salvatore Ferilli. “E’ con enorme piacere – recita la nota – che nei giorni scorsi abbiamo potuto constatare come la centralissima piazza San Domenico, dopo un lungo periodo di ‘forzato oscurantismo’ sia tornata alla luce. Infatti, non possiamo non apprezzare la decisione dell’Amministrazione comunale di ‘ridare luce’ ad uno dei luoghi di Casarano dove è più facile incontrare amici e conoscenti, ma dove, ultimamente, era diventato arduo riconoscere persino il proprio interlocutore. All’associazione ‘[email protected]à’ – conclude la nota – non può non far piacere tutto questo in quanto anni addietro, insieme ad altre forze politiche, non esitò ad organizzare forme di protesta, anche clamorose, contro la vecchia illuminazione che aveva reso piazza San Domenico uno dei posti più tetri di Casarano”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!