Truffa dei bolli auto. Aci: “Con gli utenti”

Aveva intascato 541mila euro di versamenti relativi ai bolli auto di 3.741 automobilisti. In manette Bruno Napoli, gestore dell’agenzia Sermetra di Lecce. E l’Aci si mette a disposizione di chi voglia verificare lo stato dei propri pagamenti

“L’Aci è a disposizione di chiunque voglia verificare se i propri pagamenti siano effettivamente andati in porto”. Lo ha dichiarato Pasquale Elia, direttore dell’Aci di Lecce, per chiarire il ruolo della sede leccese dell’“Automobile club Italia” nell’ambito dell’inchiesta aperta in seguito al raggiro di migliaia di automobilisti che si sono rivolti allo sportello di piazza Napoli della Sermetra. Sono 3.741 in tutto quelli scoperti dai poliziotti della sezione di polizia giudiziaria distaccata in Procura. Tutti avevano versato – tanto è venuto alla luce dalle indagini degli inquirenti – le tasse automobilistiche destinate alla Regione. Tutti erano usciti dallo sportello con un tagliando in mano in segno di ricevuta convinti di aver pagato regolarmente il bollo. Peccato che, invece che andare nelle casse regionali, quei versamenti finivano direttamente nelle tasche di Bruno Napoli, 50 anni, di Trepuzzi, gestore dell’agenzia Sermetra di piazza Napoli appunto. Un bottino di 541mila euro. Ed ora l’Aci ha tutto l’interesse ad assistere i tanti automobilisti che si sono rivolti allo sportello leccese. “Siamo a completa disposizione di quanti, temendo di essere stati truffati, chiederanno di verificare la propria situazione – ha continuato Elia -. Il nostro compito è quello di tutelare gli automobilisti informando e rilasciando loro una visura con la quale sporgere denuncia agli organi inquirenti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!