La protesta dei cittadini: nei pullman entra la pioggia

Alcuni cittadini segnalano: disagi sul pullman domenicale del trasporto pubblico che dal Capo di Leuca conduce alla stazione di Lecce

Perché sono sempre i cittadini ed i pendolari a dover pagare le inefficienze e la disorganizzazione? Giovanni D'agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori si augura che per il futuro fatti del genere non si verifichino più e pensa ad una class action nei confronti della società di trasporti: “Un gruppo di cittadini ci ha segnalato una serie di disagi che hanno caratterizzato il viaggio del pullman sostitutivo del treno che dal Capo di Leuca conduce sino alla stazione di Lecce quale abituale servizio per i numerosi pendolari che ripartono dopo il fine settimana trascorso nelle proprie case. La breve odissea di questi concittadini parte da Gagliano del Capo e attraversa lungo alcune tappe i comuni del basso salento a bordo di un pullman a dir poco antidiluviano”. “Pare, infatti, come ci dicono gli sfortunati viaggiatori, il disservizio sia partito sin dall’ imbarco e sia durato sino all’arrivo: impossibilità di riporre le valige nel vano bagaglio che risultava chiuso costringendo i pendolari a salire a bordo tutti i bagagli, sedili umidi e molti intrisi d’acqua e dulcis in fundo, avrebbe piovuto all’interno della cabina per tutto il percorso“. “Che dire allora: perché sono sempre i cittadini ed i pendolari a dover pagare inefficienza ed organizzazione del servizio pubblico di trasporto?” Per queste ragioni, Giovanni D'agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori si augura che per il futuro fatti del genere non si verifichino più e pensa ad una class action nei confronti della società di trasporti responabile, previa richiesta di restituzione immediata del costo del biglietto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!