Presicce. Rapina all’Eurospin con ostaggi

Il colpo si è consumato alla chiusura del negozio. Al loro arrivo, i carabinieri hanno rinvenuto tre dipendenti chiusi a chiave nel bagno dai malviventi

E’ accaduto tutto molto velocemente. Una guardia giurata dell’istituto di vigilanza DeIaco Security era impegnata ieri sera nel primo giro di controllo sugli esercizi commerciali della zona per i controlli di routine successivi alla chiusura. Intorno alle 21.30 ha notato la presenza di alcune macchine nel parcheggio dell’Eurospin di Presicce, fatto abbastanza insolito visto l’orario e la porta antincendio forzata in più parti. La guardia giurata ne ha dato subito notizia alla centrale operativa, che ha provveduto ad avvisare uno dei responsabili dell’esercizio commerciale, ed ai carabinieri della zona. Appena arrivati sul posto, i militari ed il titolare dell’esercizio hanno trovato tre dipendenti, due ragazze ed un ragazzo, chiusi a chiave nel bagno. I tre hanno raccontato che i malviventi hanno agito in tre, con guanti ed a volto coperto; entrati dalla parte posteriore del negozio hanno puntato loro le pistole e li hanno obbligati ad entrare in bagno con l’ordine di stare zitti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!