Nuova perizia medica su Colitti

Una nuova perizia medica per stabilire se Vittorio Colitti senior possa rimanere in carcere è stata disposta dal Tribunale del Riesame che ha valutato la richiesta degli avvocati difensori dell’uomo, Francesca Conte e Paolo Pepe, di consentire un suo ritorno nella casa di Ugento. I due legali sostengono infatti che le condizioni di salute dell’anziano, accusato assieme al nipote omonimo di aver ucciso Peppino Basile, possano peggiorare in regime di carcerario (Colitti nonno si trova presso il carcere di Borgo San Nicola di Lecce; Colitti nipote è invece detenuto a Bari presso il carcere minorile). Si tratta della seconda perizia medica su Colitti; la prima venne eseguita il mese scorso dal medico legale Roberto Vaglio e dal cardiologo Giuseppe Ruberti su incarico del gip Antonio Del Coco e non rivelò patologie tali da considerare dannosa la sua permanenza in carcere. Intanto è probabile che stamattina il gip del Tribunale per i minorenni Cinzia Vergine si esprima in merito alla possibilità di interrogare nuovamente la baby testimone dell’omicidio, così come richiesto dalla pm Simona Filoni, per mezzo dell’incidente probatorio. All’istanza di ri-ascoltare la piccola si sono opposti gli avvocati Conte e Roberto Bray.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!