Porto Cesareo. E Pug fu

Il Comune di Porto Cesareo ha ufficialmente adottato il Piano urbanistico generale lo scorso venerdì. Il sindaco: “Si apre una nuova era”

Con la deliberazione nr. 1 firmata da Valentina Battaglini, commissaria ad acta nominata dalla Regione Puglia, lo scorso venerdì il Comune di Porto Cesareo ha ufficialmente adottato il Pug (Piano urbanistico generale). Nei prossimi giorni i diversi elaborati verranno depositati presso la segreteria comunale, dove resteranno per 60 giorni, periodo durante il quale chiunque potrà consultarli. Soddisfatto per il lavoro svolto da tutti i consiglieri comunali della civica “Porto Cesareo e Marine” e per il raggiungimento di quello che ha definito “un importante obiettivo programmatico” si è detto il primo cittadino Vito Foscarini. “Con l'adozione del Pug – ha dichiarato – Porto Cesareo apre ufficialmente una nuova era verso lo sviluppo sostenibile del suo territorio. Non posso non ringraziare il commissario Battaglini per la professionalità e l'attenzione dimostrata, tutti i funzionari e collaboratori dell'Ente per la dedizione e sopratutto ogni singolo consigliere che compone l'amministrazione comunale per il lavoro svolto con impegno. Tutti hanno lavorato nell'interesse di Porto Cesareo e sopratutto dei cesarini e di chi ama questa terra baciata dalla natura. Dopo anni di attesa – ha continuato – oggi ci sono tutti i presupposti e le tempistiche affinché l'Ente si doti di un piano urbanistico in grado di definire gli assetti strategici sui quali pianificare e programmare lo sviluppo della città e delle sue marine nel prossimo futuro. Per noi tutti si tratta di un impegno preso, pianificato programmato ed oggi rispettato. Non possiamo che augurarci che l’iter attuativo proceda speditamente e che quindi lo strumento urbanistico giunga presto a conclusione rappresentando un'occasione di crescita socio-economica eco-sostenibile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!