Depuratore. Venneri favorevole al confronto

“Accetto l’invito di De Masi ma resto fermo sulle mie posizioni”. Giuseppe Venneri, sindaco di Gallipoli, ritorna sul tema depuratore

“Accetto volentieri l'invito del collega di Casarano al confronto, ma si sappia sin da ora che per quanto mi riguarda l'inviolabilità del mare di Gallipoli è un principio non suscettibile di deroga alcuna”. Giuseppe Venneri, sindaco di Gallipoli, risponde positivamente all'invito alla discussione avanzato da Ivan De Masi, primo cittadino di Casarano, ma ribadisce le posizioni che andrà ad esporre nella riunione convocata per martedì prossimo in Provincia dal presidente Gabellone, finalizzata alla risoluzione della questione-depuratore. “Il mio compito – ha spiegato Venneri – è tutelare l'interesse ed accogliere le aspettative della mia città. Evidenzio altresì che difendere il mare di Gallipoli significa andare oltre e proteggere una realtà trainante per il turismo e quindi l'economia dell'intero Salento. Per questo sfregiare la costa sud di Gallipoli con divieti di balneazione significherebbe affossare l'immagine e di conseguenza tutto quell'indotto, anche dei comuni viciniori, che dal turismo gallipolino trae linfa e giovamento”. Il sindaco chiederà per questo alla Provincia che sia bloccata la procedura di via-libera al depuratore casaranese. “Oltre ai fortissimi e più che fondati motivi turistico-economici, d'immagine e di salvaguardia dei livelli occupazionali, che mi portano a dire no a questa disastrosa decisione – ha continuato il primo cittadino di Gallipoli – mi chiedo se tutte le procedure per l'attivazione dell'impianto siano state pedissequamente seguite. Ad esempio, non mi risulta che sia stata chiesta né mai ottenuta l'autorizzazione dell'Ente Parco ‘Punta Pizzo-Isola di S. Andrea’, finalizzata all'avallo della struttura. Perché l'assurdo di questa vicenda è che il terminale ultimo della struttura casaranese non solo è uno dei tratti di costa più belli ed apprezzati del Salento ma anche una parte importante del nostro parco naturale, destinato a diventare esempio unico, ovviamente in negativo, di area protetta macchiata da divieti di balneazione”. La posizione di Gallipoli, dunque, permane quella originaria, nonostante le recenti dichiarazioni provenienti da Casarano. “Non posso rischiare il futuro di Gallipoli e di una realtà in cui gli investimenti turistici sono in netta crescita negli ultimi anni affidandomi alle rassicurazioni teoriche dei tecnici, con tutto il rispetto per la professionalità di ciascuno. Ribadisco che esperiremo ogni tentativo possibile per salvaguardare l'integrità della nostra costa ed evitare che si attui uno scempio che sarebbe, come più volte ribadito, una pietra tombale per tutte le aspettative di sviluppo di questa città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!