Omicidio Basile: la difesa denuncia una fuga di notizie

di Andrea Morrone

Si apre un nuovo capitolo nell’inchiesta sull’omicidio di Peppino Basile, il consigliere dell’Idv assassinato la notte del 15 giugno 2008 a Ugento. I legali dei due Colitti, accusati dell’omicidio e attualmente in carcere, presenteranno una denuncia contro ignoti per violazione del segreto istruttorio. Una “fuga di notizie” che secondo l’avvocato Francesca Conte, uno dei difensori dei due indagati, rischia di inquinare e compromettere non solo l’intera inchiesta, ma anche la posizione dei suoi assistiti. Il collegio difensivo, infatti, non ha gradito le notizie apparse su alcuni quotidiani locali riportanti particolari significativi dell’incidente probatorio svoltosi lo scorso 23 dicembre (riguardante l’audizione della piccola super-testimone e del fratellino), e le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi sui nuovi interrogatori compiuti dagli inquirenti trai i vicini di casa della vittima ed altri conoscenti e che avrebbero confermato i cattivi rapporti intercorsi tra Basile e i Colitti. Nei prossimi giorni i legali di Vittorio Colitti e suo nipote Luigi presenteranno anche istanza di scarcerazione (rispettivamente alla procura ordinaria e a quella per i minori) per i due indagati, un altro passo decisivo per valutare la solidità della tesi accusatoria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!