Li vede in tv. “Sono stati loro”

Li avrebbe riconosciuti in video. Guardando nei giorni scorsi una trasmissione televisiva sull’omicidio di Peppino Basile, la bambina di sei anni fino ad oggi l’unica testimone di quanto avvenne la notte tra il 14 ed il 15 giugno 2008, avrebbe indicato i due Colitti, nonno e nipote, come i killer del consigliere. Rivolgendosi alla madre, la piccola avrebbe fatto i loro nomi ed avrebbe riferito di averli visti, attraverso la finestra di casa della nonna, ammazzare il politico. Vittorio Colitti senior sarebbe stato indicato come l’anziano basso e con la pancia di cui la bimba aveva riferito negli interrogatori precedenti, l’esecutore vero e proprio del vicino di casa; il 19enne sarebbe stato invece chi, giovane alto e muscoloso, lo avrebbe tenuto fermo per un fianco. I pm Giovanni De Palma e Simona Filoni hanno subito registrato la testimonianza della bambina, mettendo a verbale anche le dichiarazioni della madre, presente mentre la piccola faceva i nomi guardando la tv. In due mesi e mezzo la testimone ha raccontato per tre volte che cosa vide da quella finestra. Il 28 ottobre, interrogata dal pm Filoni, fece i nomi dei due Vittorio Colitti. Il 23 dicembre, nel corso dell’incidente probatorio, confermò la stessa ricostruzione dei fatti, ma dicendo di non aver mai visto né prima né dopo quella notte gli assassini di Basile e non di ricordarne i nomi. In seguito, guardando la televisione, rivolgendosi alla madre li avrebbe indicati quali i responsabili dell’efferato delitto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!