Violenza sessuale sulla dipendente. In arresto

Avrebbe abusato della donna di servizio. In manette, a Supersano, il titolare di un bar

L’avrebbe condotta in un deposito in aperta campagna indicandole il luogo in cui avrebbe dovuto fare le pulizie. Lì, invece, nello stretto spazio di quattro mura, troppo lontano dal centro abitato, avrebbe abusato di lei. Con l’accusa di violenza sessuale e lesioni personali nei confronti di una donna che lavorava alle sue dipendenze, ieri, i carabinieri della stazione di Ruffano hanno arrestato Antonio Orsi, 42enne di Supersano, titolare di un bar. Per Orsi la donna svolgeva diverse mansioni, tra le quali le pulizie nel bar. Per questa ragione si sarebbe fidata di lui, quando le avrebbe chiesto di seguirlo in campagna. I fatti risalgono al 10 luglio scorso; il rapporto di lavoro era iniziato da appena un mese. Nel deposito rurale i due si sarebbero recati non prima che l’uomo avesse assunto dell’alcol. Poi, in auto, avrebbe fatto alla colf una strana proposta: guadagnare 50 euro in una sola ora. Una volta nel deposito, avrebbe alzato l’offerta: 100 euro. E dopo il rifiuto da parte della dipendente, le avrebbe chiesto scusa e poi avrebbe abusato di lei. L’ematoma sulla coscia destra della donna potrebbe essere la prova di quanto da lei raccontato ai medici ed alle forze dell’ordine. Questi ultimi, tra l’altro, già conoscevano Orsi per un precedente penale per rapina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!