Un Cineporto a Bari e a Lecce

Nei prossimi giorni sarà inaugurata la struttura di Bari. A primavera nascerà anche a Lecce. La Puglia amplia la propria offerta di servizi legati al mondo del cinema

di Daria Ricci Sarà prima Bari a dare alla luce il “Cineporto”. Poi toccherà a Lecce. L’Apulia Film Commission, a poco più di due anni dalla sua costituzione, sta per raggiungere un traguardo importante per le attività cinematografiche in Puglia: l’apertura dei Cineporti di Bari e Lecce. Vale a dire quei luoghi che ospiteranno gli uffici di produzione audiovisiva, sala casting, sala costumi, sala trucco e parruccheria, deposito e laboratorio scenografico, spazi per allestire mostre e installazioni, bar e spazio per riunioni, spazio conviviale. Per i due progetti, realizzati grazie all’Accordo di programma Quadro “Sensi Contemporanei” per conto della Regione Puglia, è già stata prevista la data inaugurale della struttura barese con una conferenza stampa aperta ai cittadini in programma il 16 gennaio alle 10.30 nella sede del Cineporto barese presso la Fiera del Levante (ingresso monumentale). Per quanto riguarda la struttura leccese il varo è previsto entro la primavera 2010. All’incontro inaugurale sono previsti gli interventi di Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Silvia Godelli, assessora regionale al Mediterraneo, Alberto Versace, direttore generale del Dipartimento Politiche e Sviluppo del Ministero dello Sviluppo ed Economico, Mimmo Lacirignola, presidente della Fiera del Levante, Oscar Iarussi, presidente dell’Apulia Film Commission, e Silvio Maselli, direttore dell’Apulia Film Commission. La Puglia amplia così la propria offerta di servizi e finanziamenti con due business center che saranno a disposizione di produttori, maestranze, artisti e cittadini. Due nuove strutture che vanno ad arricchire il sistema regionale sommandosi alla straordinaria varietà delle location e all’offerta di risorse umane e servizi specialistici già esistenti. Il Cineporto di Bari è collocato all’interno della Fiera del Levante e si estende su una superficie di 1200 metri quadrati interamente dedicata al cinema e alle arti visive. Il Cineporto leccese, invece, sarà allestito presso le Manifatture Knos, di proprietà della Provincia di Lecce, all’interno di un padiglione di 4mila metri quadrati, uno dei più imponenti contenitori culturali d’Europa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!