La bimba scagiona i Colitti

Ha riferito di aver assistito all’omicidio di Peppino Basile. Ha riferito anche di aver visto i due killer e che non fossero Vittorio Colitti nonno e nipote. Quei due uomini che “davano le botte” al consigliere, ha aggiunto, non li avrebbe mai visti né prima né dopo quella notte. Si sarebbero fermati, tuttavia, “a far finta di aiutare”, poi “hanno detto che andavano un attimo a casa e non sono venuti”. E’ ciò che emerge dalle trascrizioni dell’incidente probatorio dello scorso 23 dicembre alla piccola super-testimone dell’omicidio dell’esponente politico ugentino, depositate ieri pomeriggio. La piccola, che oggi ha sei anni, ha descritto anche i due uomini: uno basso e grosso, l’altro magro, muscoloso ed alto. Ma non sarebbero i Colitti. Vicini di casa della nonna, la bambina li conosce bene. Gli assassini, invece, non li avrebbe mai visti. “La nonna sapeva i loro nomi ma non li conosceva”; e li avrebbe detti alla piccola, la quale però non li ricorda, chiedendole di non riferirli a nessuno. L’incidente probatorio potrebbe dunque mettere in dubbio l’impianto accusatorio dei pm Filoni e De Palma. Tanto sostengono gli avvocati difensori dei Colitti, Francesca Conte, Roberto Bray e Paolo Pepe, che nelle prossime ore chiederanno ai gip dei Tribunali ordinario e per i minorenni la revoca delle misure cautelari nei confronti dei loro assistiti. Secondo la difesa, infatti, le dichiarazioni rese dalla bimba sarebbero sufficienti a scagionare nonno e nipote. Restano, tuttavia, tre nodi da sciogliere: all’indomani dell’omicidio, la madre della baby-testimone le avrebbe ordinato di non giocare più con il fratellino di Vittorio Colitti jr; Colitti nonno sarebbe andato a casa sua chiedendo a lei ed ai suoi familiari di chiamarlo “signor nessuno” (potrebbe essere stato solo un gioco o, invece, la richiesta di non pronunciare il suo nome); stando al racconto della piccola, i due killer sarebbero rimasti per strada accanto al corpo di Basile facendo finta di soccorrerlo anche all’arrivo di altra gente. Ma l’incidente probatorio ha fatto emergere anche un’altra novità: la bambina non ha confermato di aver raccontato tutto al fratellino. Ci sarebbero insomma ancora tanti punti da chiarire. Tra questi, il ruolo della nonna della piccola che attualmente è indagata per favoreggiamento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!