Gallipoli. Il museo fa il pienone

Circa 6mila visitatori in poco più di cinque mesi. E’ il bilancio, più che positivo, del museo civico “Barba” a Gallipoli

Si è chiuso con un bilancio estremamente positivo l'anno 2009 per il museo civico “Emanuele Barba”, situato in via Antonietta De Pace, nel cuore del centro storico di Gallipoli. Riaperto il 30 giugno scorso dopo il corposo intervento di ristrutturazione da 300mila euro, finanziato nella prima Amministrazione Venneri, il contenitore culturale ha raccolto circa 6mila visitatori (5760 per l'esattezza) in poco più di cinque mesi, cifra che poteva essere ancora più robusta se non vi fosse stata la chiusura dal 5 al 13 agosto – periodo particolarmente favorevole per la permanenza di turisti e visitatori – per l'allestimento della Collezione Coppola. “Sono numeri – ha commentato Gabriella Casavecchia, assessora alla Cultura – che testimoniano ancora una volta l'alto appeal che il settore culturale da sempre riscuote su cittadini, turisti e visitatori. Contestualmente tali cifre premiano gli sforzi e l'impegno dell'Amministrazione comunale che ha fortemente voluto ed ottenuto la riapertura e la fruizione di uno dei luoghi simbolo della nostra memoria storica”. I dati in possesso dell'assessorato parlano di un ottimo flusso di presenze nei mesi balneari (circa 2mila a luglio e oltre 1.600 per quindici giorni di agosto), ma anche settembre e i due mesi terminali dell'anno passato si son ben difesi. L'utenza si è altresì servita delle visite guidate garantite dalla struttura museale, di cui hanno tratto beneficio sia gruppi organizzati sia, soprattutto, scolaresche: alla fine sono stati oltre 40 i tour organizzati per illustrare particolarità e bellezze del centro storico ionico. Il museo per questo mese sarà visitabile di mattina (dalle 10 alle 13) e di pomeriggio (17-20) al costo di un euro ed anche il servizio legato alle visite guidate (che sta ricevendo un ottimo riscontro da parte degli istituti scolastici) verrà mantenuto attivo. Per ogni informazione a riguardo è possibile contattare il numero telefonico 0833/264224.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!