L’idea: Alzati e cammina

L’innovativa struttura in metallo leggero, realizzata dal fabbro Nunzio Casciaro ed attualmente in fase di brevetto, permette al portatore di handicap di sollevarsi e passeggiare

Alzati e Cammina” è la denominazione della nuova soluzione meccanica del fabbro Nunzio Casciaro che sta facendo sbalordire le persone con disabilità. Almeno quelle a cui finora è stata mostrata e fatta provare. Si tratta di una struttura innovativa in metallo leggero che, attraverso un sistema a cerniere, permette al portatore di handicap di sollevarsi come se stesse appoggiato su delle stampelle e in seguito, mediante il movimento delle mani, di passeggiare azionando delle leve le quali a loro volta sono collegate a terra grazie a delle aste che poggiano su basi antiscivolo. Pochi gesti e il disabile può passare, per esempio, dalla sedia a rotelle o dal letto ad una posizione eretta e in cammino. Trazione, stabilità ed equilibrio statico e dinamico sono le tre caratteristiche dell’idea meccanica che sembra essere stata pensata da Casciaro dopo un’attenta osservazione dell’andatura degli animali quadrupedi. L’invenzione (in fase di brevetto) è già stata collaudata e testata su alcune persone tra cui Luigi, un signore di 66 anni di Vignacastrisi, tetraplegico, da 24 anni su una sedia a rotelle, a causa di un tragico incidente sul lavoro. Luigi, dopo una iniziale perplessità, ha preso coraggio grazie alle rassicurazioni dello stesso Nunzio Casciaro. Per ben dieci sedute di prova il disabile ha provato su se stesso un nuovo modo di stare al mondo e si è detto “stupito e soddisfatto” per l’idea del fabbro suo compaesano. “Alzati e Cammina” è stata già proposta ad alcune strutture medico-riabilitative salentine segno evidente della forza con cui una semplice intuizione si può imporre agli occhi dei desiderosi di guardare il mondo all’impiedi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!