Vinicio Capossela alla Focara di S. Antonio

Al via la Festa dell’inverno salentino. Il 16 gennaio, a Novoli, l’accensione del più grande falò del Mediterraneo

Di Daria Ricci Una fiammella, quella del fuoco di Betlemme, che accenderà quest’anno la Focara di Novoli, dedicata a Sant’Antonio Abate. L’edizione 2010 della festa sarà infatti dedicata alla Pace e al dialogo, con uno sguardo alla Terra Santa, filo conduttore del ricco programma di eventi e di manifestazioni. Sabato 16 gennaio, come consuetudine, l’accensione della focara, tra i fuochi pirotecnici e la musica dell’eclettico Vinicio Capossela. Grazie alla collaborazione della Provincia di Lecce, con Bruno Ciccarese, assessore alle Politiche Giovanili, ed all'Associazione Nazionale del “Concerto per la Vita e per la Pace”, che da diversi anni hanno avviato un appuntamento annuale di scambi culturali e la costruzione di un insieme di città gemellate tra la Palestina e l'Italia, il fuoco buono della focara è stato ambasciatore di pace in Terra Santa per il Natale 2009. Nell’ambito del progetto Salento-Palestina, una delegazione composta tra gli altri da Oscar Marzo Vetrugno, sindaco di Novoli, don Giuseppe Spedicato, parroco di Sant’Antonio Abate, Tony Villani, presidente del Comitato Festa, e da Francesco Parlangeli, delegato della Pro-Loco, si è recata a Betlemme, per attingere alla lampada che arde nel luogo della nascita di Gesù. La fiammella è già conservata a Novoli e tramite la focara verrà donata a tutto il Salento ed alla Puglia come simbolo di pace, nell’ambito di un percorso nuovo che ogni anno farà tappa in diverse aree afflitte del mondo. La festa di Sant’Antonio Abate e la Focara di Novoli rappresenta uno degli appuntamenti più importanti dell’inverno salentino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!