Il ritorno alle origini di Paolo Arnesano

Sarà allestita presso la Galleria L’Osanna di Nardò, da domani fino al 27 gennaio 2010, una mostra personale dell’artista

Sarà inaugurata domani alle ore 18, alla Galleria L’Osanna di Nardò, la mostra personale di Paolo ArnesanoRitorno alle origini”. In esposizione un recente gruppo di opere datate 2009. Sono le ultime opere di Arnesano, dopo il suo recente trasferimento a Berlino, dipinte durante l‘estate scorsa al “Ciolo” di Leuca, sotto gli ulivi. C’è una morfologia del disegno fluida e sinuosa – scrive in catalogo Marina Pizzarelli nella sua presentazione della mostra – che sembra unire Matisse e Mirò, in una rilettura della lezione surrealista attraverso le scomposizioni picassiane. E c’è l’irruzione felice, liberatoria del colore che sembra accorgersi ora che nel Salento, oltre alla severa cromìa della terra, c’è quella luminosa del sole, del cielo, del mare…. È una festa eccitante di alieni giocosi, oniriche silhouette, protozoi, figure biomorfiche, allusioni erotiche che si mescolano in una sensualità che rende pirotecnico il fluire dei segni e delle immagini. Una nuova severità costruttiva nell’effetto fortemente suggestivo del bianco e del nero-catrame, nel gesto sicuro che accentua la valenza neo-espressionista dell’opera, cui certo non è estranea la total immersion dell’artista nel clima culturale della nuova Germania. Sono pittografie che esprimono una sorta di purezza primitiva, in un segno-strumento rabdomantico che scava nelle profondità dell’inconscio. Un vero ritorno alle origini. La mostra si protrarrà sino al 27 gennaio 2010, ore 11–13 e 17–20,30 dal martedì al sabato. All’inaugurazione sarà presente l’artista. // Info. Galleria L’Osanna, Via XX Settembre n.34 – 73048 Nardò (LE) – tel/fax 0833/562906 – 333/9587269

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!