Novoli. A Natale puoi

L’appuntamento più atteso del calendario natalizio di Novoli è per questa sera in piazza Regina Margherita con lo “scambio d’auguri” tra musica live, fuochi pirotecnici e dolci tipici

Pace, altruismo, gioia, speranza, solidarietà. Si può, soprattutto a Natale. Da questa convinzione è nato il progetto “A Natale puoi”, ideato e proposto da un gruppo di enti e associazioni novolesi che coinvolgerà la comunità cittadina per l’intero periodo natalizio. Si tratta di un programma ricco e variegato, una serie di manifestazioni dallo scopo unico e comune: quello di vivere la gioia del Santo Natale insieme e nei luoghi simbolo della comunità cittadina. Appuntamento attesissimo è quello per la notte di oggi: al termine delle Sante Veglie nelle comunità parrocchiali, infatti, piazza Regina Margherita ospiterà la cerimonia simbolica dello “scambio d’auguri”, tra musica live, fuochi pirotecnici, dolci tipici e le performance della comunità senegalese di Novoli che farà conoscere danze e riti della terra d’origine. Nell’occasione, inoltre, saranno inaugurati il presepe artistico allestito all’interno del Teatro comunale, inserito nell’itinerario provinciale “Città dei Presepi” e visitabile (dalle 17 alle 21) dal domani al 27 dicembre e l’1 gennaio 2010, e il presepe in cartapesta dell’artista Cosimo Casarano che accoglierà altresì il “Fuoco della Pace di Betlemme”, giunto a Novoli nell’ambito del Progetto Salento Palestina in collaborazione con l’assessorato alle Politiche giovanili, Cooperazione allo sviluppo e alla Pace della Provincia di Lecce. A chiudere il cartellone, poi, alcuni percorsi speciali e collaterali tra i quali spiccano le visite a pensionati e case di riposo del territorio, la celebrazione eucaristica e l’accensione del catino del Fuoco della Pace nella parrocchia Sant’Antonio Abate prevista per il 26 dicembre a cura dell’Assessorato alla Cultura e con il coinvolgimento della Federazione regionale Acli.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati