Novoli. A Natale puoi

L’appuntamento più atteso del calendario natalizio di Novoli è per questa sera in piazza Regina Margherita con lo “scambio d’auguri” tra musica live, fuochi pirotecnici e dolci tipici

Pace, altruismo, gioia, speranza, solidarietà. Si può, soprattutto a Natale. Da questa convinzione è nato il progetto “A Natale puoi”, ideato e proposto da un gruppo di enti e associazioni novolesi che coinvolgerà la comunità cittadina per l’intero periodo natalizio. Si tratta di un programma ricco e variegato, una serie di manifestazioni dallo scopo unico e comune: quello di vivere la gioia del Santo Natale insieme e nei luoghi simbolo della comunità cittadina. Appuntamento attesissimo è quello per la notte di oggi: al termine delle Sante Veglie nelle comunità parrocchiali, infatti, piazza Regina Margherita ospiterà la cerimonia simbolica dello “scambio d’auguri”, tra musica live, fuochi pirotecnici, dolci tipici e le performance della comunità senegalese di Novoli che farà conoscere danze e riti della terra d’origine. Nell’occasione, inoltre, saranno inaugurati il presepe artistico allestito all’interno del Teatro comunale, inserito nell’itinerario provinciale “Città dei Presepi” e visitabile (dalle 17 alle 21) dal domani al 27 dicembre e l’1 gennaio 2010, e il presepe in cartapesta dell’artista Cosimo Casarano che accoglierà altresì il “Fuoco della Pace di Betlemme”, giunto a Novoli nell’ambito del Progetto Salento Palestina in collaborazione con l’assessorato alle Politiche giovanili, Cooperazione allo sviluppo e alla Pace della Provincia di Lecce. A chiudere il cartellone, poi, alcuni percorsi speciali e collaterali tra i quali spiccano le visite a pensionati e case di riposo del territorio, la celebrazione eucaristica e l’accensione del catino del Fuoco della Pace nella parrocchia Sant’Antonio Abate prevista per il 26 dicembre a cura dell’Assessorato alla Cultura e con il coinvolgimento della Federazione regionale Acli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!