Un ordigno contro uno studio legale

Potrebbe essere stata solo una bravata. Ma Isidoro Bernardi, il titolare dello studio legale di Tuglie davanti al quale è avvenuta l'eplosione collega il fatto alla sua attività professionale

Quello che è scoppiato nella notte tra sabato e domenica davanti allo studio legale di Isidoro Bernardi, 36 anni, a Tuglie (via Aldo Moro) era un ordigno di piccole dimensioni. Ed anche i danni causati non sono stati rilevanti. L’episodio tuttavia non è da prendere sottogamba. Ed è stato lo stesso Bernardi a dichiararlo. Lo considera, infatti, un atto intimidatorio a lui rivolto e collegato in qualche modo alla sua attività professionale. “In questo periodo – ha dichiarato agli inquirenti – sono impegnato in un’attività di recupero crediti e parcelle per cause che si sono concluse da tempo e forse questo non è andato giù a qualche mio cliente”. L’attività politica nella quale l’avvocato pure è impegnato non sarebbe invece da considerare, secondo lui, tra le possibili cause all’origine dell’accaduto. La deflagrazione è avvenuta attorno all’1.30 ed ha svegliato i genitori di Bernardi (sono stati loro ad avvisare il figlio) ed altri vicini. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Sannicola coadiuvati dai militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Gallipoli. A loro spetterà stabilire se si sia trattato di una bravata da parte di ragazzi o se il gesto sia un atto intimidatorio, come crede il titolare dello studio legale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!