Vittorio Colitti resta in carcere

Vittorio Colitti, resta in carcere. A deciderlo il Tribunale del Riesame di Lecce, che ha respinto l’istanza di revoca di misura cautelare presentata dai legali dell’indagato: gli avvocati Francesca Conte e Paolo Pepe. Bisognerà attendere però domani per conoscere le corpose motivazioni che hanno spinto i tre giudici del collegio giudicante (il presidente Laura Liguori, il giudice relatore Nicola Lariccia e quello a latere Stefano Marzo) a rigettare la richiesta della difesa. Il dispositivo, infatti, è stato depositato pochi minuti prima dell’ora di chiusura della cancelleria, senza che i legali riuscissero ad ottenerne copia. Quello del Riesame è un primo importante passaggio a favore del lavoro d’indagine e dell’impianto accusatorio della Procura, che sicuramente esce rafforzata da questo esame iniziale. Mercoledì prossimo, dinanzi ai giudici del Tribunale per i Minori, si svolgerà l’udienza per la scarcerazione dell’altro indagato Vittorio Luigi Colitti, oggi diciannovenne ma all’epoca dei fatti minorenne e attualmente recluso presso l’istituto penale minorile Nicola Fornelli di Bari. Una decisione su cui peserà quasi certamente la sentenza di oggi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!