Duecento presepi dal mondo a Lecce

GUARDA IL VIDEO. Sarà inaugurata domani nel castello Carlo V la prestigiosa mostra itinerante del Museo internazionale della Natività di Betlemme

Sono più di duecento i presepi provenienti da diversi Paesi del mondo in mostra nel castello Carlo V di Lecce dal 12 dicembre al 7 febbraio. L'idea di portare a Lecce la mostra itinerante “Presepi dal mondo” organizzata dal Museo internazionale della Natività di Betlemme, nasce su proposta della Fondazione Verona per l'Arena che ha accolto la candidatura della città quale sede della prestigiosa esposizione. La rassegna ha riscosso successo di pubblico e critica nelle sue precedenti edizioni tenute a Verona, Parigi, Milano, Lublino (Polonia), Lubiana (Slovenia), Rijeka (Croazia). Stamani, a Palazzo Carafa, la presentazione dell'esposizione ha visto la presenza del sindaco di Lecce, Paolo Perrone. “Essere stati scelti per ospitare questa importante mostra – ha detto – è un risultato molto importante per la nostra città, che si conferma degna di essere annoverata tra le mete turistiche più importanti d'Italia”. Il tema proposto è la rappresentazione del sacro e le diverse interpretazioni culturali, come spiega Alfredo Troisi, sovrintendente del Museo internazionale della Natività di Betlemme: L'esposizione è ospitata nel salone Maria D'Enghien e sale attigue, al piano nobile del Castello Carlo V e sarà inaugurata sabato 12 dicembre alle ore 18.30. La mostra è visitabile fino al 7 febbraio 2010, tutti i giorni compresi i festivi, dalle 9 alle 13 e dalle 16.30 alle 20.30. Ingressi adulti: 5 euro bambini e scolaresche: 2 euro studenti, gruppi, over 65: 3 euro Per i gruppi si consiglia la prenotazione allo 0832.246517

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!