Shopping di Natale, a Lecce è già boom…con gli sconti sottobanco

GUARDA IL VIDEO. I commercianti leccesi hanno fatto il pieno di affari in questa prima settimana di dicembre. Nessuno fa i saldi ma c’è chi taglia i prezzi del 10%

I salentini sono in giro a caccia di regali purché low cost e riempiono soprattutto i mercati natalizi e rionali, gli esercizi che vendono articoli a un euro mentre nei negozi di abbigliamento, vanno a ruba soprattutto accessori, dalle sciarpe ai berretti. Per incoraggiare i consumi, però, a Lecce molti commercianti del centro hanno iniziato anche i “saldi” sotto banco, con sconti fino al 30 per cento, annunciati ai clienti via sms o per posta. Ci sono sconti del 20 per cento spacciati come “promozioni di Natale” anche su borse e accessori firmati. Non un cartellino che lo annunci, non un avviso in ve­trina, solo una “sorpresa” al­la cassa. Lo sconto non si ve­de, ma c’è. E non solo per i clienti affezionati. Badate bene, non si chiamano saldi, ma sconti. La differenza è netta: i primi sono regola­mentati da una legge regionale, i secondi sono “liberal”. E in effetti si avverte un’atmosfera molto libera­l-e nelle vie del centro del capoluogo salentino. Il tentativo di limare i prezzi per il momento soddisfa, visto che il primo weekend di shopping natalizio non è andato male. Un discreto movimento, diversi acquisti. Anche se la gran parte della gente “entra nei negozi, osserva, e per ora prende nota”, spiega una commerciante di piazza Mazzini. Sconti o no, i soldi quest'anno sono pochi e anche Babbo Natale dovrà stringere la cinghia, come spiega nonna Fiorella, di Lecce:

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!