Influenza A. Il primo decesso al Fazzi

L'uomo, affetto da patologie cardiache e con un quadro clinico già sensibilmente compromesso, non si era vaccinato contro l'influenza pandemica

Al “Fazzi” di Lecce la prima vittima accertata di influenza H1N1. L’uomo, Cosimo Rollo, 77enne di Lecce, è deceduto la scorsa notte a causa di complicazioni cardiache. Da alcuni giorni si trovava ricoverato presso il reparto di Rianimazione del nosocomio leccese con un quadro clinico già sensibilmente compromesso. Era infatti affetto da numerose patologie, tra le quali un edema polmonare, ed era cardiopatico. Il virus influenzale si è dunque fatto strada in una condizione di salute già complicata. Pur presentando diverse patologie croniche e nonostante avesse superato i 65 anni di età, Rollo non si era vaccinato contro la pandemia. Attualmente nel Salento sono quattro le persone ricoverate in ospedale per influenza A. Guido Scoditti, direttore generale della Asl leccese, denuncia che, nonostante i timori diffusi tra i cittadini, proprio coloro che per età o condizione di salute dovrebbero sottoporsi al vaccino, non lo stanno facendo incorrendo nel rischio di serie complicazioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!