Un monumento per i caduti in guerra

E’ lo scultore Virgilio Pizzoleo l’autore del nuovo monumento in onore dei caduti in guerra che sarà collocato all’interno della Villa di via Rimembranza a Poggiardo

Poggiardo avrà un nuovo monumento dei caduti in guerra. Lo scultore Virgilio Pizzoleo è infatti risultato vincitore del concorso indetto dal Comune per la realizzazione dall’opera da collocare all’interno della Villa di via Rimembranza della città, dopo aver presentato un bozzetto sul tema “La memoria dei caduti italiani in scenari di guerra del Novecento: dalle guerre mondiali alle missioni internazionali”. L’opera finale si presenta come un blocco monolitico in pietra leccese, alto 3 metri circa. Da questa unica pietra scaturisce la triade di figure drammaticamente espressive: compaiono soldati, fusi tra di loro, nella roccia che li plasma, nella lotta per la sopravvivenza contro la barbarie della guerra, fratelli di una umanità da difendere, uomini; tre come il simbolico numero dell’amore che appassiona la vita. Il monumento di fatto non coglie la scena di un soldato morente, non è un inno alla guerra o a i suoi strumenti di morte, le armi sono deposte oppure assenti. “Il nuovo monumento è un’opera artistica che parla di pace e che ci invita a non dimenticare quanti con il proprio sacrificio hanno lottato per la democrazia e la libertà – afferma l’assessore Luigi Zappatore -. Era nostra intenzione rendere quanto più chiaro possibile questo messaggio che, al contrario, risultava piuttosto oscuro nel precedente monumento. L’opera vincitrice del concorso ha una notevole carica evocativa e suscita emozioni pensose, facendoci considerare i valori ultimi dell’essere e dell’esistere. Proprio per questo, il massimo oratore della romanità propugnava in senato che ai soldati caduti combattendo fosse eretto un monumento il più magnifico possibile, perché smisuratamente grandi sono i loro meriti verso la Patria”. “Soltanto il monumento rende possibile e visibile la memoria storica d’un luogo – dice Silvio Astore, sindaco di Poggiardo -. Monumento è il ‘ricordo’ di un evento o di una persona illustre del passato, impressi esemplarmente nel cuore. La cultura del ricordo, del rispetto, dell’apprezzamento per i nostri giovani militari, è sempre rimasta uguale, sempre più profonda ed intensa. Il nuovo monumento vuole essere il doveroso ricordo alla nostra storia. Perché la storia di un paese è il cuore di un popolo, la sua prima dignità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!