Fondazione “Tito Schipa”. Una stagione di collaborazioni

Beethoven e Cajkovskj oggi a Brindisi in collaborazione con la “Ico”. Venerdì al Politeama. A colloquio con Eraldo Martucci, vicepresidente della Fondazione

di Daria Ricci Tanti successi e tanti applausi per la Stagione della Fondazione “Ico-Tito Schipa”. Tanti applausi anche per un’orchestra di tutto spessore, pregnante. Abbiamo parlato della Stagione con Eraldo Martucci, vice presidente della Fondazione che ha sottolineato: “Uno dei punti cardine su cui abbiamo puntato in questa Stagione è il rapporto di collaborazione instaurato ex novo o rafforzato con enti e associazioni, come l'Università del Salento, il Conservatorio Schipa, il Comune di Brindisi ed il Nuovo Teatro Verdi che giovedì ospita la nostra orchestra per il suo secondo appuntamento della stagione. Senza dimenticare la Camerata musicale salentina, nel cui cartellone siamo presenti con tre concerti, e la rassegna di ‘FasanoMusica’ che abbiamo inaugurato lo scorso 24 ottobre”. L’Orchestra dunque si sta facendo apprezzare e applaudire anche oltre i confini provinciali, essendo oggi al Teatro Verdi di Brindisi e domani al Politeama Greco di Lecce. Il concerto del Politeama è in collaborazione con il Wwf. Sarà diretta dal maestro Gunter Neuhold. Al piano Emma Schmidt. Una serata tutta particolare perché i due artisti sono marito e moglie. Un binomio artistico con la particolarità di aver inciso numerose composizioni per pianoforte e orchestra poco frequentate del XX secolo. Tra queste il concerto del compositore russo Alfred Schnittke. Ascolteremo anche di Ludwig van Beethoven “Le creature di Prometeo, ouverture op. 43” e di Cajkovskij la “Sinfonia n.5 in mi min. op.64”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!