Mre. Culiersi segretaria regionale

Approvata all'unanimità, al congresso di sabato scorso, la relazione politica di Roberta Culiersi, consigliera comunale a Maglie e componente della Direzione nazionale del Movimento

Roberta Culiersi, consigliera comunale a Maglie e componente della Direzione nazionale del Mre (Movimento repubblicani europei) è la nuova segretaria regionale del Movimento. Il Congresso, svoltosi allo Sheraton di Bari sabato scorso, ha approvato all’unanimità la relazione politica della neosegretaria Culiersi: al centro della stessa l’obiettivo di ricomporre la diaspora repubblicana iniziata proprio a Bari nel 2001 e le future alleanze in vista delle prossime amministrative. “Alleanze – ha precisato Culiersi – che non saranno più ‘scontate’ in quanto per i Repubblicani sarà prioritaria l’intesa sui programmi”. Prima i programmi, dunque, poi le alleanze e la scelta del candidato. “In una Puglia in cui il centrosinistra eredita i vizi del centrodestra, e il centrodestra è suddito della Lega – ha continuato – i Repubblicani non possono che avere uno scatto di reni e lavorare per offrire una proposta politica seria. Anche nella mia città mi muoverò in questa direzione. A Maglie forse per la prima volta dopo tanti anni c’è un fermento nuovo. C’è voglia di partecipazione. Mi si stanno avvicinando persone piene di entusiasmo, che hanno voglia di essere coinvolte sui programmi e che non condividono alleanze fatte esclusivamente su nomi di candidati già decisi a tavolino senza che mai si sia discusso di nuove idee per la città. Mi auguro che ci possano essere le condizioni per costruire con queste persone una lista civica che, individuate le proprie linee programmatiche, possa contribuire alla vittoria del candidato sindaco il cui programma sarà maggiormente condiviso. Per Maglie – ha concluso Culiersi -, feudo fittiano da tempo ormai immemorabile, avrei preferito si fosse seguito da subito il modello Ferrarese. Al momento però a si muove in tal senso. Ma io credo ancora nella logica di squadra. E la squadra per vincere deve essere costituita prima dalle idee e poi dagli uomini e dalle donne migliori. Noi lavoreremo per questo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!