Casarano. Nasce il governo ombra

Appena costituitosi, mette in guardia: “Il sindaco Ivan De Masi potrebbe influenzare la stampa locale”

Si è costituito a Casarano il Governo ombra comunale. Dopo la intensa attività sul web, che si è manifestata anche attraverso i commenti alle news politiche del Tacco on line, il governo ombra esce allo scoperto con il primo comunicato stampa, in cui viene evidenziato il rischio che il sindaco Ivan De Masi influenzi la stampa locale. “Negli ultimi giorni – si legge nel comunicato – abbiamo notato mediante il nuovo sito del Comune (http://www.comunedicasarano.com) come tra gli addetti alla segreteria personale del sindaco di Casarano rientri un giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno”. Nulla di personale nei confronti dell’uomo e del giornalista, precisano gli autori della nota, che però mettono in guardia sul rischio “di una stampa non libera, faziosa, a cui i lettori della Gazzetta del Mezzogiorno nella pagina locale potrebbero, e ripetiamo potrebbero, andare incontro in questi e nei giorni a venire”. “Dal 2000 – prosegue il documento – esiste una normativa nazionale, la legge del 7 giugno 2000 n. 150, ‘Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni’, la quale specificatamente nell’art. 7 vieta l’esercizio a chi ha rapporti di diretta collaborazione con l’amministrazione ed il sindaco nel settore della comunicazione (addetto stampa, urp etc..) e di raffronto con gli organi di informazione (tv, stampa, etc..), di esercitare l attività di giornalista nei settori della stampa. Quotidianamente accade che leggiamo articoli sulla Gazzetta del Mezzogiorno nella pagina locale di Casarano redatti da chi collabora nella segreteria del sindaco stesso”. Il governo ombra invita pertanto l’amministrazione comunale di Casarano ed il sindaco a riflettere sulla normativa esistente e ad adoperarsi affinché sia sempre garantita in città la libertà di stampa. “Ciò che abbiamo scritto – così termina la nota – è una nostra considerazione e come tale va intesa. Un’ultima riflessione permettetecela: se un cittadino qualunque volesse scrivere un comunicato o una mail alla Gazzetta del Mezzogiorno su una qualsiasi questione attinente il Comune di Casarano, potrebbe succedere che lo scritto possa passare all’attenzione del sindaco e/o dell’amministrazione prima ancora che del giornale stesso”. Puntuali e ben documentate le obiezioni all’amministrazione guidata da Ivan De Masi che il “governo ombra” ha diffuso finora via web. Non altrettanto chiara l’identità di chi ne fa parte.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!