Inps. Miscioscia nuovo direttore provinciale

Salvatore Saracino passa il testimone di direttore provinciale dell’Inps di Lecce a Francesco Miscioscia

A partire dal 1° novembre 2009, la titolarità della direzione provinciale Inps di Lecce è affidata a Francesco Miscioscia, proveniente da Andria (BA), dove ha ricoperto, dal luglio 2007, l’incarico di direttore subprovinciale. Francesco Miscioscia, 41 anni, laureato in giurisprudenza, è in Inps dal 2004, dopo una serie di attività in altre amministrazioni pubbliche. Ha svolto, inoltre, numerosi incarichi di docenza in corsi di formazione e master universitari e ha collaborato con le Università degli Studi di Bari e di Lecce. Il nuovo direttore provinciale subentra a Salvatore Saracino, direttore regionale vicario Inps per la Puglia, che ha assicurato la reggenza dell’incarico dopo la cessazione dal servizio, lo scorso aprile, del precedente direttore titolare Vittorio Liguori. “È per me un onore assumere l’incarico di direttore provinciale INPS a Lecce. – ha affermato Miscioscia durante il primo incontro a Lecce – Nella consapevolezza della centralità assunta dall’Istituto, soprattutto in questo periodo di crisi economica, assicuro il mio impegno nel cercare di svolgere con dedizione e senso di responsabilità il nuovo incarico attribuitomi. Confido – ha concluso il direttore – nel carattere costruttivo e collaborativo di questa provincia, rinomata per la sua cultura, per le bellezze artistiche e naturali, ma soprattutto per l’affabilità e la generosità della sua gente. Spero, con il mio modesto apporto, di poter contribuire nei prossimi anni alla crescita di questa terra, alla sua ricchezza, al suo sviluppo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!