Misterioso incendio nella casa dei fantasmi

GUARDA IL VIDEO. Stavolta l’incendio ha coinvolto non solo la casa dell’anziana, che è quella che ha subito i danni maggiori, ma anche quelle, vicine, dei parenti

Che sia stato o meno un fantasma il responsabile dell’accaduto, stavolta il danno è grosso. Ritorna alla ribalta della cronaca la casa di via Puccini a Matino, abitata da una donna di 94 anni che lì vive da sola. E’ la stessa casa di cui nei giorni scorsi si è lungamente parlato perché teatro di “strani” accadimenti, come piccoli fuochi che si sviluppavano dal a, oggetti che prendevano a volare, sinistre grida e rumori di vario tipo, che avevano portato l’opinione pubblica a spaccarsi in due tra i convinti che l’abitazione fosse infestata dai fantasmi ed i più accaniti scettici. A pochi metri dall’abitazione dell’anziana ci sono quelle di figli e parenti. Sei in tutto. E stavolta gli strani episodi hanno interessato anche queste. Nella mattinata di oggi un incendio è improvvisamente divampato in casa dell’84enne, coinvolgendo divani, materassi e suppellettili di vario tipo distribuite in più stanze, ed annerendo tutte le pareti. La donna ha prontamente chiesto aiuto ai parenti e, mentre questi si sono recati a soccorrerla, altri fatti sospetti sono accaduti nelle loro case: incendi di dimensioni più piccole si sono sviluppati mandando in fumo asciugamani, materassi o altro. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco di Gallipoli ed i carabinieri della Scientifica di Casarano. Il personale del Nucleo NBCR e Polizia Giudiziaria, entrambi appartenenti al Comando prov.le Vigili del Fuoco di Lecce, si sono serviti di strumenti all’avanguardia, come la termo camera, per rilevare la presenza umana o constatare tracce di liquido infiammabile. I risultati delle perizie son rimasti riservati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!