Salta il Consiglio per troppe assenze

Erano presenti solo cinque consiglieri di opposizione al Consiglio comunale di Poggiardo convocato per ieri. Che dunque è stato rimandato a mercoledì

Il sindaco Silvio Astore e diversi consiglieri non si presentano al Consiglio comunale e scoppia un nuovo caso politico a Poggiardo. La seduta dell’assise convocata dal presidente Cirino Antonio Circhetta si sarebbe dovuta tenere in prima convocazione ieri pomeriggio, ma alla fine dopo quasi un’ora di attesa, è stata chiusa con l’appello a cui hanno risposto solo cinque consiglieri dell’opposizione. Nell’incontro Astore avrebbe dovuto comunicare all’assemblea la nomina dei nuovi componenti della giunta municipale e presentare le linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare sino alla conclusione del mandato (2011), oltre alla nomina del revisore dei conti per il triennio 2009-2012. Per quanto riguarda la giunta si sarebbero dovuti fare i nomi dei nuovi assessori Lina Tarantino e Fernando Rausa, a suggello del patto siglato dallo stesso primo cittadino e il consigliere regionale Aurelio Gianfreda (che siede anche nel Consiglio poggiardese), ma qualcosa evidentemente è mutato. Secondo i ben informati infatti, Silvio Astore sarebbe stato chiamato a rapporto nella vicina Maglie dal ministro per gli affari regionali Raffaele Fitto, il quale non digerirebbe un’amministrazione di centrodestra a governare Poggiardo con i voti del centrosinistra. “E’ incomprensibile che questi tatticismi esasperati blocchino un Consiglio comunale – ha detto Massimo Gravante, consigliere di opposizione -. Nel bene o nel male è una dimostrazione che la maggioranza ha perso la rotta, a meno che l’influenza H1N1 non abbia colpito tutti i consiglieri comunali assenti. Questo Consiglio andato perso è una sconfitta anche di Gianfreda in quanto quello che tutti si aspettavano non è stato ratificato, tuttavia per esprimere un giudizio definitivo bisognerà attendere la seconda convocazione”. L’assise sarà riconvocata mercoledì mattina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!