“Promuoviamoci”. Esperimento riuscito

La manifestazione “ProMuoviamoci – Percorsi d’autunno tra arti e mestieri” che si è tenuta domenica a Casarano ha avuto il successo sperato. Fersino: “La riproporremo a Natale”

Buona la prima. La manifestazione “ProMuoviamoci – Percorsi d’autunno tra arti e mestieri”, svoltasi domenica sera, ha avuto un positivo riscontro verso il pubblico. L’iniziativa, organizzata dall’Amministrazione comunale (assessorato alle Attività produttive) e dalle associazioni di categoria (Confcommercio, Made in Casarano, Acas e Cna) aveva come obiettivo la promozione del commercio e dell’artigianato locale, oltre a spostare l’attenzione della festa del “SS. Crocefisso”, che di norma si concentrava sulla tradizionale fiera, verso il centro cittadino. I mercatini (del gusto, agricolo, artigianale), lo spettacolo musicale, l’addobbo floreale, l’area dedicata ai bambini sono sempre attrazioni che hanno risposte positive verso i visitatori. “L’esperienza è stata positiva – ha affermato l’assessore Francesca Fersino – servirà per il futuro, a cominciare dalle prossime festività natalizie”. Alla manifestazione “Promuoviamoci” era legato il concorso sulla vetrina più bella, al quale hanno partecipato ben 39 negozi (il tema era la stagione autunnale). La speciale commissione, formata dagli assessori Fersino e Loredana Torsello e dalla vetrinista Claudia De Virgilio, ha decretato le tre vetrine vincitrici, una per ogni categoria. Per la categoria “originalità e scenografia” è risultato vincitore l’allestimento di “Giuseppe Petracca tendaggi” in via Dante; per la categoria “esposizione del prodotto” ha vinto la vetrina del negozio “Semola Preziosi”, una gioielleria di via Nino Bixio; infine, per la categoria “utilizzo dei materiali” è stata premiata la vetrina “Avant Garde di Raho”, negozio di calzature in via Lupo. La commissione, inoltre, ha voluto fare una menzione speciale per la vetrina de “I Ragazzi di Costa”, in piazza S. Giovanni, e per quella della “Libreria Dante” in via Matino. Una menzione speciale alla vetrina del negozio di abbigliamento “Imperial Town”: due manichini in abiti da cacciatore, “armati” di macchina fotografica e, nelle cartucciere, rullini al posto delle cartucce. Un condivisibile messaggio contro la caccia e a favore della natura.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!