Liceo docet: valore all’eccellenza

Nato con la formula di associazione di docenti, “Liceo Docet” è un luogo dove si studia attraverso strumenti multidisciplinari. Un altro tassello al prestigio di una città all’avanguardia nella formazione dei giovani

Che Casarano godesse di uno speciale (e meritato) prestigio a livello provinciale per la qualità delle sue scuole è cosa risaputa e mai messa in discussione. Dalle elementari alle superiori, passando per le medie e gli istituti professionali, la formazione pubblica di questa città ha rappresentato un punto fermo nel tessuto connettivo del territorio. Non solo casaranese, se è vero come è vero che per decenni migliaia di giovani residenti nei comuni limitrofi sono venuti qui per imparare e formarsi. Recentemente a questo profilo si è aggiunto un altro elemento di valore, il “Liceo Docet”. L’istituto è nato sotto forma di associazione di docenti, con sede a Casarano in un bel palazzo antico nella corte di via Corsica. Ne è presidente la prof. Lucia Saracino che ha trovato entusiastica adesione di numerosi professori, precari e non. L’idea è semplice: offrire agli studenti di scuola superiore uno spazio tutto loro per lo studio pomeridiano, beneficiando dell’esperienza di docenti di varie materie e potendo così approcciare lo studio in maniera multidisciplinare e con alta intensità relazionale. Non un doposcuola tradizionale, quindi, ma un luogo in cui si coltiva l’eccellenza. Liceo docet. Un momento della lezione Alla base del metodo “Liceo Docet” una serie di buone prassi sull’approccio allo studio, sulla qualità della fruizione della lezione in aula e su vere e proprie tecniche di apprendimento. Le ragazze e i ragazzi vengono accompagnati nel rispettivo processo formativo anche attraverso il contatto diretto tra gli insegnanti della scuola superiore (col pieno consenso dei dirigenti scolastici che si sono mostrati favorevoli all’iniziativa) e i docenti “Liceo Docet”; parlando tra colleghi, essi sono in grado di interpretare le esigenze formative, le eventuali carenze, e di fornire un supporto e una tutela a una corretta crescita educativa, quasi a livello personalizzato. Liceo docet. Il gruppo di docenti ed allievi Un approccio relazionale trasparente fondato su solidi rapporti personali e professionali, nonché di reciproca stima, tra professori. Punto di forza di “Liceo Docet” è l’insegnamento di discipline tradizionalmente ostiche agli studenti: il greco, il latino e le lingue straniere. Affrontate, tutt’e tre, partendo da un necessario approfondimento della grammatica italiana. Cosa che non guasta mai, visto che essa è spesso uno scoglio insormontabile proprio per gli italiani. Tra i servizi accessori offerti da “Liceo Docet” c’è la preparazione mirata agli esami di maturità e il recupero di anni scolastici persi, che viene gestito in orario pomeridiano in parallelo rispetto alla normale iscrizione diurna dell’allievo: due anni in uno, in contemporanea e senza il ricorso alla scorciatoia dell’istituto parificato. La filosofia dei docenti di “Liceo Docet” è infatti ispirata alla più severa meritocrazia. Non c’è indulgenza verso i “diplomifici”. Nella struttura si lavora duramente, salvo approcciare il lavoro con metodologie che lo rendano più efficace e stimolante per i giovani. Un fenomeno interessante è infine quello dei corsi diurni per genitori. Alcune mamme e papà, apprezzati i risultati di “Liceo Docet” per i propri figli, hanno deciso di riprendere gli studi. E’ questo, probabilmente l’aspetto più intrigante che, se da un lato segnala l’apprezzamento degli adulti verso una metodologia didattica nuova ed efficiente, dall’altro funziona come spia di una benefica non assuefazione di alcuni casaranesi alla monotonia e alla noia di certi pomeriggi senza interesse.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!