Grande festa per i nonni di Castro

La cittadina di Castro festeggia i nonni con un incontro sul rapporto nonni-nipoti e una mostra fotografica

Oggi 3 ottobre alle ore 9.30 in piazza Perotti, la città di Castro renderà omaggio ai nonni con una grande festa corale organizzata con il patrocinio del consorzio per i Servizi Sociali dell’ambito di Poggiardo. L’incontro si aprirà con un dibattito in cui si cercherà di raccontare il cambiamento del rapporto nonni-nipoti nell’arco degli ultimi 50 anni. Protagonisti del dibattito saranno Luigi Carrozzo, sindaco di Castro, Giuseppe Colafati, presidente del consorzio per i Servizi Sociali dell’Ambito di Poggiardo, l’onorevole Ugo Lisi, Filomena D’Antini Solero, assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Lecce, e Umberto Carluccio, autore del libro “Quel pomeriggio d’estate”. Dopo il dibattito avrà inizio la festa vera e propria con una pregevole mostra fotografica sulle tradizioni e i costumi negli anni 1900-1950 realizzata nell’ambito del progetto dell’Ambito zona di Poggiardo “Giovani della terza età in allegria” e, soprattutto, con le iniziative a sorpresa che gli alunni delle scuola elementare di Castro hanno preparato per festeggiare i loro nonni. Al termine della manifestazione consegnato un attestato ai nonni più giovani e ai nonni più anziani. «L’iniziativa vuole essere il ringraziamento doveroso per un ruolo sociale sempre più indispensabile – dichiara il sindaco Luigi Carrozzo -. Oggi i nonni, preziosi depositari di conoscenze, usi e tradizioni appartenenti al nostro patrimonio culturale da difendere e trasmettere diventano il fulcro insostituibile sia dal punto di vista affettivo sia cognitivo per l’intera società. Occorre quindi sensibilizzare la nostra comunità a recuperare, approfondire e continuare il rapporto nonno-nipote, anziano-giovane, nella prospettiva di considerare il nonno non come un problema ma come una risorsa imprescindibile, come la memoria storica e affettiva delle nuove generazioni».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!