Puglia e Catalogna, la nuova strada del turismo

Lecce. La Puglia e la Catalogna insieme per il “Progetto spot sul turismo”. A novembre ci saranno incontri tra le aziende salentine e catalane

Lecce. Gli enti camerali di Lecce e Barcellona unite nel segno del turismo. Si chiama “Progetto spot sul turismo” l’obiettivo è quello di invitare i tour operators spagnoli a scoprire il Salento. Il 5, 6 e 7 novembre p.v. a Barcellona avranno luogo incontri mirati tra operatori turistici spagnoli e le aziende salentine del settore per la realizzazione di pacchetti turistici creati ad hoc. L’evento mira a dare vita a tour appositamente studiati a Barcellona dai maggiori operatori (le grandi compagnie di navigazione e le compagnie aeree). Il 30% dei turisti spagnoli che viaggia all’estero è catalano e l’Italia é una delle mete preferite per la vicinanza e per la ricchezza culturale, gastronomica, paesaggistica dell’offerta turistica. Il turista catalano si posiziona su un livello economico medio-alto e alto, predilige viaggi brevi con possibilità di realizzare percorsi di carattere culturale, enogastronomico, sportivo, naturale, in alternativa alle proposte classiche dei circuiti turistici come Roma, Venezia Firenze. La Regione Puglia presenta tutte le caratteristiche per attrarre un viaggiatore alla ricerca di destinazioni turistiche alternative e di qualità; il volo diretto Bari – Barcellona moltiplica le opportunità di collegamento tra i due territori e facilita la pianificazione e l’organizzazione di scambi economici del settore turistico. Potranno partecipare all’iniziativa gli hotel/resort e i villagi turistici (in possesso del Marchio Ospitalità Italiana ed aventi in dotazione almeno 50 camere d’accoglienza), tour operators ed altre imprese del settore turistico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!