Filobus. Se ne discuta con i cittadini

Giovanni D’Agata chiede al sindaco Perrone un incontro per discutere con l’intera cittadinanza dell’attivazione del servizio di trasporti filobus

Riportiamo la lettera giunta in redazione di Giovanni D’Agata, componente del dipartimento nazionale Tutela del Consumatore dell’Italia dei Valori. Il Comune di Lecce ha annunciato che a partire dal primo ottobre cesserà la tolleranza verso le auto parcheggiate sulle corsie preferenziali. Gli automobilisti leccesi ricorderanno la drammatica situazione che si venne a creare quando, alcuni anni fa, le corsie preferenziali furono realizzate e si tentò di renderle operative: multe a raffica, traffico in tilt, benefici zero. Oggi la riproposizione delle corsie preferenziali significa solo una cosa: che dopo tanta attesa si avvierà il filobus, le cui opere sono state ultimate da tempo ma restavano inerti perché, probabilmente, nessuno aveva il coraggio di avviare l’esperimento, temendo cosa potesse succedere. Sugli automobilisti leccesi, pertanto, incombe il rischio dell’attivazione in tempi brevi del filobus, che darà il colpo di grazia al già congestionato traffico cittadino. Il Sindaco Perrone ha dimostrato grande coraggio, rendendo pubblica la vicenda relativa al leasing dei Palazzi di Via Brenta e bloccando il pagamento dei canoni relativi. Lo invitiamo a dare una nuova prova di coraggio, bloccando l’avvio del filobus, ed evitando così che il traffico cittadino diventi una bolgia infernale. Il filobus è stato frutto di una scelta sconsiderata, che ha sprecato risorse importanti del Comune di Lecce senza una reale programmazione che potesse rendere effettivamente utile al traffico ed alla salute dei cittadini tale scelta. Giovanni D’Agata, componente del dipartimento nazionale Tutela del Consumatore dell’Italia dei Valori, propone pertanto al sindaco di Lecce una moratoria, nel corso della quale valutare serenamente con i cittadini, i commercianti, le categorie, le scelte più utili per evitare di sprecare tali risorse e per evitare grandi disagi agli utenti della strada. Lecce, 29 settembre 2009 Giovanni D’Agata componente dipartimento tematico nazionale “Tutela dei Consumatori”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!