Barba:”Gallipoli penalizzato per episodi di scarsa rilevanza”

Infastidito Vincenzo Barba per i deferimenti al Gallipoli calcio. “Di inadeguato rilievo gli episodi imputati, che pensavamo già superati”

A ricostruzioni sbrigative e succinte sembrerebbe esserci stato un ritardo “di qualche minuto o al massimo di qualche ora” precisa Vincenzo Barba, nel pagamento di adempimenti amministrativi nei confronti di un tesserato. Infastidito Barba per i deferimenti al Gallipoli calcio: “Di inadeguato rilievo gli episodi imputati, che pensavamo già superati. Nella famiglia Lega calcio tutto può accadere e quindi tutto ci si può aspettare. Premesso il fatto che tutti coloro che interpongono rapporti professionali con la nostra società e con le nostre persone, non solo non ricevono un euro in meno, ma, addirittura, ne ricevono uno in più e premesso che a chiunque abbiamo sempre riconosciuto ciò che gli era legittimante dovuto nei termini sacrosanti, risulta quanto mai strano che per un mero ritardo di qualche minuto si possa penalizzare una squadra o interdire in maniera così brusca chi ha dato sempre prova di manifesta managerialità e serietà amministrativa con ligio rispetto per i regolamenti e le buone norme impartite dalla Lega”. “Pretestuosi” quindi per Barba i provvedimenti della Lega che, talvolta, darebbe l’impressione di “essere forte con i deboli e debole con i forti, l’esatto opposto che dovrebbe fare chi è chiamato a tutelare il calcio in Italia”. “Sono certo che, visto il nostro coerente e trasparente comportamento- ha concluso Vincenzo Barba- ci saranno immediatamente tutti gli estremi per ricorrere in appello, restituire l’ingiustamente tolto alle nostre persone e alla nostra squadra e soprattutto restituire la credibilità alla Lega calcio, una credibilità di cui il calcio italiano avverte il bisogno”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!