Malasanità a Galatina

Una donna galatinese di 56 anni avrebbe riportato gravi lesioni a causa di una garza dimenticata durante un intervento chirurgico e malamente rimossa

Galatina. Rifiutata la richiesta di archiviazione del caso della donna galatinese di 56 anni che avrebbe riportato gravi danni permanenti a causa dell’estrazione poco professionale di una garza dimenticata nel canale vaginale durante un intervento chirurgico. Il giudice delle indagini preliminari, Antonio Del Coco, ha predisposto delle verifiche specialistiche per chiarire se effettivamente le lesioni siano dovute al cattivo operato del chirurgo della clinica San Francesco di Galatina. Due mesi di tempo per il pm Donatina Buffelli per raccogliere riscontri e testimonianze che facciano chiarezza sull’accaduto. L’odissea della donna cominciò il 2 luglio 2007, quando si sottopose ad intervento chirurgico per la rimozione di un fibroma all’utero al quale seguì un altro intervento, due giorni dopo, per i fortissimi dolori provocati da un ematoma. Dimessa dall’ospedale, i dolori sembravano aumentare e solo due mesi più tardi venne riscontrata la presenza della garza, di dimensioni di una pallina da tennis, nel corpo della paziente. Il medico estrasse il corpo estraneo senza ricorrere ad un intervento chirurgico e senza anestesia. Sarebbe stato questo, secondo l’accusa, a causare le gravi lesioni. Saranno le indagini ora a chiarire le responsabilità degli indagati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!