Gallipoline da combattimento

Corso di difesa personale per donne organizzato dal Comune di Gallipoli

Un corso di autodifesa personale rivolto a tutte le donne. È quanto porrà in essere, a partire dai prossimi giorni, l'Amministrazione Comunale, grazie alla preziosa e fattiva collaborazione dell'”Accademia Karate” di Gallipoli. Le lezioni si svolgeranno presso la palestra dell'istituto comprensivo del Terzo Polo, in via Gorizia, a partire da sabato prossimo e saranno tenuti dal maestro Alessandro Finisguerra, cintura nera 6° Dan, che nel suo personale palmares vanta ben 5 titoli europei e 10 Italiani. Una collaborazione, quella col sodalizio sportivo del presidente Tiziano Scarpina, che l'assessore allo Sport, Giorgio Cacciatori, commenta in questo modo. “Un servizio – ha spiegato – che abbiamo inteso offrire al gentil sesso in un particolare periodo in cui, purtroppo, nel panorama nazionale sono sempre più frequenti e costanti le raccapriccianti notizie di aggressioni e violenze su donne indifese”. La disciplina del karate, infatti, ben si adatta al genere femminile in quanto è definita “di pensiero” e non produce pertanto aggressività, garantendo tuttavia protezione e difesa personale. “Sono certo che questa iniziativa gratuita – ha detto l'assessore – per la quale ringrazio l'associazione del presidente Scarpina, sarà anche un importante ed apprezzato momento di socializzazione per quante intenderanno frequentare il corso. Non è certo un caso che la stessa scelta dei giorni in cui far svolgere le lezioni sia mirata proprio a garantire la più ampia partecipazione”. Le lezioni infatti si terranno il sabato pomeriggio, a partire dalle 17 e la domenica mattina, orari cioè che non si sovrappongono a quelli riservati solitamente al lavoro. Le interessate possono chiedere maggiori ragguagli contattando il numero 347/3306510.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!