Crepuscolari atlantici

Echi gozzaniani in un fado portoghese. Con sequel a sorpresa

“Casa da Mariquinhas” è un classico del fado portoghese. Fu lanciato da un fadista atipico, eppure oggi considerato archetipico, dalla voce tutt’altro che imponente: Alfredo Marceneiro. La cosa che colpisce di più un italiano in questa canzone, scritta dal poeta Silva Tavares, quasi coetaneo di Gozzano, è che la casa del titolo potrebbe essere, appunto, quella della gozzaniana nonna Speranza, piena delle famose “buone cose di pessimo gusto”. Fonte comune, forse, le case umili di certa letteratura francese (per esempio Flaubert). Molto mal ammobiliata, il tutto di questa casa portoghese non vale niente. Da nonna Speranza si cantano i “dolci bruttissimi versi” di “Caro mio ben”, nell’altra, al posto del pianoforte c’è una chitarra e si canta il fado. Ma se la casa di nonna Speranza trasmette una certa tristezza di muffa, nel cattivo gusto portoghese Mariquinhas ci vive allegramente con le amiche. La canzone ebbe un tale successo da meritarsi dei sequel in cui i vicini di casa la denunciano per il chiasso e la donna deve sloggiare e mettere all’asta la sua chincaglieria. L’imperscrutabile provvidenza dei mercati immobiliari farà sì che in quella casa ci vada ad abitare un signore con portiere personale e Cadillac.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment