Fiera regionale Expo 2000

Dal 15 al 18 ottobre industria artigianato e agricoltura del Salento si confrontano. Per maggior informazioni: www.miggianoexpo2000.it, sito dell’evento fieristico

La fiera regionale Expo 2000: Industria, artigianato e agricoltura del Salento si svolgerà da giovedì 15 a domenica 18 ottobre. L'impegno organizzativo dell’Ente locale, guidato da Giovanni Damiano, sindaco della città che ospita l'evento, preannuncia un appuntamento fieristico come sempre nel segno della tradizione ma anche delle novità. EXPO 2000 si svilupperà su un’area espositiva totale di circa 40.000 metri quadri, dove saranno collocate oltre 250 aziende espositrici, con la maggior parte di esse presenti negli anni passati e le restanti che espongono per la prima volta, è divenuta oramai un’autentica “Campionaria”. EXPO 2000 sarà un appuntamento fieristico che accoglierà numerose proposte in settori diversificati, richiamando un pubblico di visitatori, numeroso ed eterogeneo, nei quattro giorni di esposizione, la cittadina del Capo di Leuca, si trasformerà più grande centro commerciale della provincia di Lecce, con migliaia di visitatori interessati, curiosi e motivati. Saranno presenti le aziende del settore tessile e pelletteria, significativo il numero di quelle d’arredamento, di complementi di arredo e di cucine componibili, dell’oggettistica, dei casalinghi, termosanitaria, ma anche produttori di macchine agricole, concessionari di autovetture e di materiale edilizio, insieme agli espositori di infissi, di tappeti d’oriente di antiquariato e prodotti agro-alimentari. Per l’edizione 2009 di EXPO 2000, sarà pubblicata la terza edizione del giornalino informativo pubblicitario dell’evento fieristico ed attraverso il sito internet www.miggianoexpo2000.it, arricchito con maggiori informazioni, foto e video relativi alle edizioni precedenti, si potranno ottenere maggiori dettagli per i visitatori che raggiungeranno Miggiano da ogni angolo della Puglia. Durante i quattro giorni di EXPO 2000 sarà presente anche Paolo Coin, direttore generale di Padovafiere, insieme ad un gruppo di imprenditori della provincia padovana, al fine di consolidare il rapporto di collaborazione avviato da alcuni anni tra l’ente fieristico veneto e l’Ente locale salentino. Inoltre, in occasione di Tuttinfiera, in svolgimento a Padova dal 31 ottobre all’1 novembre prossimi, gli amministratori della cittadina di Miggiano saranno presenti all’interno di uno stand, per promuovere la stessa cittadina ed il quartiere fieristico, con l’obiettivo di far conoscere agli imprenditori del nord-est le realtà economiche del Salento presenti ad EXPO 2000. La fiera di Miggiano, che si svolgerà nella mattinata di domenica 18 ottobre, tradizionalmente è nota come Fera de Miscianu ci boi, poiché si possono trovare prodotti di tutti i settori merceologici. Essa è forse l’unica fiera nel Salento a non avere legami con alcuna festa religiosa, che ha come data la terza domenica di ottobre. E’ una fiera che risale agli inizi del secondo millennio, ogni anno in quella data gli allevatori e contadini del Salento, nonché greci e albanesi si incontravano a Miggiano, per scambiarsi sementi e animali. Il sabato sera precedente, 17 ottobre, si svolgerà la sagra del maiale grazie alla gradita pietanza offerta ai visitatori, verrà riproposta un’antica tradizione che risale all'XI secolo. Raggiungere Miggiano a quei tempi non era facile, considerando i mezzi di trasporto e le distanze percorse, pertanto arrivavano il sabato sera e consumavano il loro pasto con carne lessa di maiale. I maiali venivano allevati dai contadini del luogo nei loro cortili e venivano macellati in occasione della fiera per offrire agli ospiti un gustoso ristoro. Ai nostri giorni, la sagra si svolge secondo il tradizionale rituale, che vuole che in enormi pentole di rame rosso, si prepari la “carne de porcu ndalessata”, con il contorno di “foie reste” e la storia racconta che durante la fiera veniva venduta agli avventori delle osterie insieme al classico bicchiere di vino locale. Oggi, EXPO 2000, dopo quella di Bari è una tra le fiere più conosciute nel sud, non solo per la sagra, ma anche per quanto riguarda l’artigianato locale, considerando la numerosa presenza nel territorio di artigiani produttori di mobili e cucine componibili.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!