La Sud Gas unisce e divide

Il Consiglio comunale di Poggiardo si spacca nel corso della riunione sull’impianto di biostabilizzazione. Chi sta con e chi sta contro il sindaco Silvio Astore

Sei ore ininterrotte di dibattito dell’assise consiliare cittadina, l’altro giorno, con due risultati finali giunti al termine di una serie di colpi di teatro amministrativi e politici. Il primo riguarda la determinazione di misure idonee finalizzate al corretto funzionamento dell’attuale impianto di biostabilizzazione Sud Gas e di quello futuro “Cogeam” in costruzione. Il secondo verte sul sostegno al sindaco Silvio Astore dichiarato da quasi tutta l’opposizione (Massimo Gravante escluso) dopo i “mal di pancia” manifestati da quattro esponenti della maggioranza (Giuseppe Colafati, Cirino Maggio, Domenico Tarantino e Giacomo Carluccio), che alcune settimane fa hanno annunciato di voler costituire un proprio gruppo consiliare, “Gruppo Pdl”. A Poggiardo dunque si apre una fase cruciale per i destini dell’attuale amministrazione in vista del rinnovo delle cariche comunali tra meno di due anni. L’eterna questione del biostabilizzatore ha occupato la maggior parte del tempo e degli interventi, su cui si sono segnalate posizioni distanti e differenti ma tutte finalizzate a trovare una soluzione condivisa dai più, e infatti alla fine ne è scaturita una deliberazione che in sintesi detta delle prescrizioni volte a monitorare il regolare andamento dell’impianto di lavorazione dei rifiuti del bacino Ato Le/2 (46 Comuni), sito in località “Pastorizze”, e a vigilare sulle garanzie di salubrità del nuovo biostabilizzatore in edificazione accanto a quello attuale. Tra le altre cose, è stato previsto dal Consiglio pure un sit-in di protesta da tenere nel mese di settembre davanti alla Sud Gas, in cui il percolato sembra essersi impossessato oltre che dell’asfalto stradale anche dei terreni agricoli limitrofi. Bocciata invece l’idea di un “referendum cittadino” che avrebbe potuto scegliere il destino della nuova struttura Cogeam, presentata da un emendamento del consigliere Massimo Gravante, il quale aveva avanzato la proposta di “considerare la possibilità di una riconversione di quanto già realizzato, e poi a sperimentazione conclusa, avviare la bonifica del sito e un monitoraggio delle future attività dell’attuale impianto Sud Gas”. Il sindaco Astore ha incassato così il sostegno della maggioranza sulla questione rifiuti, un appoggio che non è sembrato poi così scontato quando si è passati all’ultimo punto all’ordine del giorno sulla comunicazione di costituzione di nuovi gruppi consiliari: “gruppo Pdl” con portavoce Giacomo Carluccio e “Pdl Poggiardo” guidato da Damiano Longo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!