Il Salento conquista il Macef di Milano

La borsa più grande del mondo è Made in Carcere e lo stand design di grande effetto di Caminopoli

Si è chiusa lunedì la quattro giorni più importante per il design ed il confort in casa. E’ stato un “Macef come non l’avete mai visto” (come recita il claim della pubblicità) in fatto di specificità espositive, eventi informativi-formativi e iniziative di servizio. Tutti insieme, questi elementi sono andati a comporre un progetto espositivo ricchissimo e affascinante, che ha incluso concorsi di progettazione, convegni, aree tendenza e persino “Macef in town”, un temporary shop aperto nel centro di Milano che ha fatto cultura di prodotto, comunicazione e interventi nel sociale. Ed in questa 87° edizione del salone internazionale della casa il territorio del Salento ha fatto un figurone, conquistando i visitatori e affascinando perfino i colleghi espositori. Due sono state le attrattive più emblematiche, la presentazione della borsa più grande del mondo a firma Made in Carcere e realizzata dalle detenute di Lecce, e lo stand dell'azienda Caminopoli di Renato Manni dall'immagine assolutamente accattivante e suggestiva curata dal designer Renzo De Maria. Made in Carcere (www.madeincarcere.it) ha presentato al Macef una bag davvero molto particolare, che si candida ad entrare come record nel libro del Guinness dei Primati. Le donne designer del carcere leccese di Borgo San Nicola, che hanno scoperto una nuova opportunità lavorativa, che servirà loro quando torneranno di nuovo in libertà, hanno infatti realizzato questo modello di borsa davvero molto eccezionale: il progetto ideato da Luciana Delle Donne ha visto nascere la borsa più grande del mondo, realizzata proprio nel carcere del capoluogo salentino. Questa borsa, che spera di entrare nel Guinness dei Primati, è stata realizzata con del tessuto e dei materiali di scarto. Made in Carcere è un progetto davvero importante che, come spiega Luciana Delle Donne, è molto più che un semplice “brand”: “chi acquista un accessorio Made in Carcere non acquista un semplice prodotto, ma un progetto con un insieme di messaggi forti ed importanti ed una bella storia da raccontare: etica ed estetica“. (Stylosophy) Caminopoli (www.caminopoli.it) di Renato Manni si è invece presentata ai buyer italiani ed internazionali davvero in abiti di gran classe. Infatti il designer salentino Renzo De Maria ha progettato e curato personalmente il design dello stand, non solo per presentare nel miglior modo possibile gli articoli trattati dall'azienda (attrezzi e accessori per la cura, l'estetica ed il funzionamento di camini e caminetti), ma soprattutto per far sì che i visitatori potessero essere accolti con i canoni della più tradizionale e rinomata ospitalità della terra in cui ha sede l'azienda, ossia il Salento. Fichi d'India, ambientazioni marine, rurali e tanto altro per ricreare in fiera il grande fascino che questa terra sa trasmettere. Caminopoli è l'unica azienda in Italia specializzata nell'offerta di attrezzi e accessori per l'uso, l'estetica e la manutenzione di camini e caminetti. Nel suo campo di azione vi è ogni genere di set di attrezzi, alari, parascintille, portalegna, frontali e fondali, griglie e brucialegna nei materiali più svariati: ottone, ferro, ghisa, legno, cuoio, acciaio e cristallo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!