Intimidazioni al sindaco di Bisceglie

La solidarietà da parte di comuni ed Istituzioni. Michele Lamacchia, presidente dell'Anci Puglia: “Le intimidazioni non devono condizionare il mandato istituzionale”

L’Anci Puglia ha convocato presso il comune di Bisceglie una riunione straordinaria del proprio Comitato esecutivo per esprimere solidarietà e sostegno al sindaco Francesco Spina e all’amministrazione comunale dopo i ripetuti atti intimidatori subiti. Erano presenti, oltre allo stesso Spina, Michele Lamacchia, il presidente, tutti i sindaci della sesta provincia, tra cui Francesco Ventola(sindaco di Canosa e presidente Provincia BAT) e il viceprefetto di Bari. “Siamo qui per ribadire la nostra protesta contro questi gesti”. Ha sottolineato Lamacchia, che ha aperto la riunione sottolineando che “comuni e amministratori devono poter continuare a svolgere le proprie funzioni in piena libertà, tali intimidazioni non devono condizionare il mandato istituzionale conferito dai territori. Il sindaco deve vedere riconosciute pienamente le proprie funzioni in un contesto democratico. Questo è il messaggio che l’Anci intende lanciare”. Lamacchia infine, ha dato lettura del telegramma di solidarietà inviato al sindaco Spina dal presidente di Anci nazionale, Sergio Chiamparino. Francesco Ventola ha messo in evidenza la costante presenza dell’Anci a sostegno degli amministratori locali fatti oggetto di minacce: “Il sindaco rappresenta l’istituzione più prossima al cittadino e per questo la più esposta”. Il viceprefetto di Bari ha espresso la solidarietà del prefetto Schilardi, assente in quanto impegnato in una concomitante riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza, proprio per definire linee di intervento a tutela del territorio. Il viceprefetto ha rinnovato al sindaco pieno sostegno e collaborazione. Francesco Spina, ha ringraziato l’ANCI, la Prefettura e i sindaci presenti: “Quando uno fa il sindaco deve mettere in conto questo tipo di rischi”. Il sindaco si è detto comunque sereno e intenzionato a continuare a svolgere con forza il proprio mandato: “Quando vi è compattezza delle istituzioni vi è conforto e coraggio per andare avanti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment