Verso il Mezzogiorno

Ci sono anche due Comuni salentini, Lecce ed Otranto, tra gli enti organizzatori del primo Festival della cultura ebraica in Puglia. L’evento avrà luogo dal 6 al 10 settembre a Trani. Sarà presentato domani a Bari

Negba. Verso il Mezzogiorno” è il titolo del primo Festival della cultura ebraica in Puglia. In ebraico biblico “negba” significa “verso Sud”, quindi in direzione di Gerusalemme, ma anche verso il Mezzogiorno d’Italia, i suoi territori e le sue comunità, in un cammino di conoscenza, riscoperta e valorizzazione. L’evento, che prenderà il via la sera del 6 settembre 2009 a Trani, città capofila della decima edizione della Giornata Europea della Cultura ebraica, è promosso dall’Unione comunità ebraiche italiane (Ucei) e dall’assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia con la collaborazione e il sostegno di sette amministrazioni comunali, tra le quali due salentine: Lecce, Otranto, Andria, Bari, Oria, San Nicandro Garganico e Trani. L’annuncio ufficiale dell’evento sarà dato nel corso della conferenza stampa di domani a Bari, presso la Presidenza della Regione Puglia (ore 11.30). A presentarlo, Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Silvia Godelli, assessora al Mediterraneo, Magda Terrevoli, assessora al Turismo, il rabbino Roberto Della Rocca. Tra i curatori del programma culturale vi sono Gioele Dix, direttore artistico del Festival, Victor Magiar, supervisore del progetto e assessore alla Cultura Ucei, e Renzo Gattegna, presidente Ucei. Alla conferenza stampa interverranno anche Pierluigi Campagnano, presidente della comunità ebraica di Napoli, e sindaci e assessori dei Comuni coinvolti (Michele Emiliano, sindaco di Bari; Vincenzo Zaccaro, sindaco di Andria, Luciano Cariddi, sindaco di Otranto, Costantino Squeo, sindaco di San Nicandro Garganico con Riccardo Tricarico, assessore alla Cultura, Antonio Lovato, assessore alla Cultura di Trani, e Glauco Caniglia, delegato del sindaco di Oria per la valorizzazione della presenza ebraica).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment