Birra, sound e numeri. 150mila presenze

La manifestazione che s'è svolta nei giorni scorsi a Leverano è stata un vero successo. Aumentate le visite rispetto alle quattro passate edizioni. Quasi 150mila le presenze raggiunte nei sei giorni

Grande successo di pubblico per Birra e Sound edizione 2009, il festival europeo della birra nel Salento organizzato da Mebimport azienda leader nel settore della distribuzione di vini e birra. Un festival che ha centrato in pieno lo scopo preposto: offrire, cioè, il piacere di serate trascorse in compagnia di un buon boccale di birra legato a un fenomeno di rivalutazione del mondo del gusto ed a tutte quelle novità che stanno interessando sempre di più il popolo della degustazione di qualità. I numeri del successo – A parlare in tutta la loro evidenza sono i numeri prodotti da uno dei più grandi eventi dell’estate salentina, in forte aumento rispetto alle quattro edizioni precedenti, a testimonianza del successo che questa manifestazione sta riscuotendo. Ben 148mila le presenze raggiunte da Birra e Sound in sei giorni, maggiorante e di molto rispetto alle 125mila delle passate edizioni, ben 19mila le ore di lavoro svolte per la preparazione della Cittadella Europea della birra all'interno dell'area mercatale di Leverano (10mila metri quadri occupati complessivamente, di cui mille 900 quadri occupati dalle 9 arcostrutture destinate alla spillatura dei 100 differenti tipologie di birra presenti alla manifestazione, 850 destinati agli stand dell'area food e 3600 destinati a luna park ed agli spettacoli viaggianti). Il tutto permesso da oltre 500 kw di energia elettrica impiegati sia per illuminare l'area sia per accendere il capolavoro messo a punto dalla ditta De Cagna Luminarie, che ha colorato con giochi di luce fredda e calda la cittadella leveranese. Un successo centrato anche per un ottimo lavoro di squadra, voluto e coordinato in prima persona dall'amministratore delegato della Mebimport Srl, Maurizio Zecca. Uno staff competente, preparato e di qualità che ha contribuito a fare grande questa manifestazione: a partire dai tecnici specializzati per gli impianti di spillatura (14) ai tantissimi collaboratori (oltre 180) impegnati in oltre tre mesi di lavoro per la realizzazione dell’evento, fino alle 11 le hostess addette alla distribuzione di gadgets e materiale pubblicitario, agli 82 addetti al servizio di viabilità, alle 16 unità addette al servizio di pronto soccorso e ai 24 uomini della sicurezza, che hanno garantito il corretto svolgimento della kermesse. Un progetto serio e intraprendente, figlio di una programmazione efficiente ed efficace che non si ferma, anzi si attiva già da ora per la prossima edizione. In questo ambito, infatti, rientra anche l'ottima campagna di comunicazione e promozione dell'evento che ha visto impegnati 4 grafici, 3 addetti all'Ufficio Stampa, 6 cameraman e 3 fotografi ufficiali nella realizzazione degli oltre 2600 spot radiofonici effettuati, dei 480 spot televisivi, dei 140 poster sei per tre affissi in tutto il Grande Salento e, ancora, dei 1500 manifesti affissi in tutto il territorio pugliese accompagnati dai 350mila flyers promozionali, da 12 automezzi brandizzati e persino da un aeroplano per pubblicità aerea sulla costa adriatica e jonica. Non solo, perchè la quinta edizione ha visto la realizzazione di “Birra e Sound Magazine”, il primo magazine ufficiale di presentazione dell'evento targato Mebimport stampato in 5mila copie e distribuito gratuitamente. Numeri importanti che consacrano questo evento quale opportunità per la promozione del bere ed il mangiare sano ,per lo sviluppo della cultura birraia nel Sud Italia e, perchè no, per la rivalutazione in campo turistico del nostro territorio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!